Rubriche

… offri un banchetto: invita poveri, storpi, ciechi, chi non ricambia

… offri un banchetto: invita poveri, storpi, ciechi, chi non ricambia

A cura di Totò Sauna

DOMENICA 28 AGOSTO
Avvenne che un sabato Gesù si recò a casa di uno dei capi dei farisei per pranzare ed essi stavano a osservarlo.
Diceva agli invitati una parabola, notando come sceglievano i primi posti: «Quando sei invitato a nozze da qualcuno, non metterti al primo posto, perché non ci sia un altro invitato più degno di te, e colui che ha invitato te e lui venga a dirti: “Cèdigli il posto!”. Allora dovrai con vergogna occupare l’ultimo posto. Invece, quando sei invitato, va’ a metterti all’ultimo posto, perché quando viene colui che ti ha invitato ti dica: “Amico, vieni più avanti!”. Allora ne avrai onore davanti a tutti i commensali. Perché chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato».
Disse poi a colui che l’aveva invitato: «Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici né i tuoi fratelli né i tuoi parenti né i ricchi vicini, perché a loro volta non ti invitino anch’essi e tu abbia il contraccambio. Al contrario, quando offri un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi; e sarai beato perché non hanno da ricambiarti. Riceverai infatti la tua ricompensa alla risurrezione dei giusti». Lc 14,1.7-14

 

 

Continua il Signore a  starci vicino. A prenderci per mano per condurci ad una vita vera. Vissuta. Una vita da protagonisti e non da comparse. Una vita dove, tu e io caro lettore, apprezziamo ogni attimo. In questo brano del vangelo ci invita a riflettere  su alcuni comportamenti umani. Su alcune nostre abitudini. Ci invita a stare attenti. Perché spesso queste mode, questi comportamenti possono diventare i veri padroni della nostra vita Ci invita all’essenzialità. Alla pienezza della vita.Siamo circondanti da sorrisi suadenti, Da gente impegnatissima in tutto.  Per natura diffido dai sorrisi stampati sulle labbra. Diffido dai sorrisi stereotipati. Diffido dagli abbracci vuoti. Di chi ti accoglie con un sorriso suadente o con, la cosa peggiore, un’umiltà ostentata, falsa.  Sepolcri imbiancati. Gesù ci invita ad essere UMILI. Ma come facciamo ad essere umili se non ci conosciamo? Se non sappiamo quali sono le nostre priorità? E a che cosa siamo disposti a fare per raggiungerle? Spesso questa umiltà viene confusa con atteggiamento pauroso. Mi metto da parte perchè ho paura di una reazione. Faccio l’umile per convenienza, per uno stupido servilismo. Disposti a calpestare la nostra persona per apparire buonini, per non offendere il Potente, per accattivarci simpatie futili.. La persona che sostiene di non valere niente, di essere ignobile e disprezzabile, commette un grave peccato di fronte a Dio, non è umile, ma depresso!La persona che nasconde le proprie fragilità dietro l’ipocrisia di un’immagine di sé eccessiva e distorta, costruisce la sua autostima su fragilissime basi..  Questo accumulare serve delusione e non poter esprimere la propria opinione fa nascere la depressione e tanti danni. Fino a quando non si esplode con casi di violenza inaudita di cui i giornali sono pieni. Ma come si volevano bene. Non parlavano mai. Diffido di chi non parla mai. Di chi non esprime il proprio parere. Da chi dall’alto dei pulpiti grida umiltà ,ma, poi, sceso, non mi saluta, non mi stringe la mano, non mi abbraccia, crea distanze. Mi è successo. Allora cosa è per me l’umiltà? Abbracciare totalmente la Croce. Abbracciare, senza se e senza ma, Gesù Cristo. Fare la sua volontà.  Diventiamo umili se abbiamo chiaro che i padroni della nostra vita non siamo noi. Ci affanniamo, corriamo a destra e a manca, pensando che siamo noi che risolviamo i problemi di Gela, del mondo ,dell’universo, invece dobbiamo riuscire a cambiare il cuore. Poi, basta un piccolo raffreddore e ci salta l’appuntamento. Arriva un terremoto improvviso e distrugge tutto. Quando capiremo che la vita non ci appartiene.  L’ho detto in tante mie riflessioni e lo ripeto. Il problema è il cuore, il problema sono gli occhi, il problema è la mente. Come faccio ad essere umile se corro come gli  altri al potere, all’apparire, alla corsa all’avere. Allora dobbiamo essere tutti poveri? Si, ma non materialmente. Nessuno qua sta dicendo che dobbiamo fare i pezzenti e domandare l’elemosina,. ma l’umiltà sta nell’avere chiaro:questa  è la strada che devo percorrere. Cristo è la Via. Quali sono gli obbiettivi della vita. Perché viviamo? Viviamo per essere ai primi posti nei convegni ed essere pronti a baciare la mano al politico di turno? Viviamo perché ci piacciono gli applausi? Viviamo per avere l’ultimo vestito alla moda e non ci interessa se nostro marito ha dovuto stare al lavoro 2 giorni in più per poterlo comprare e poi ci lamentiamo con le amiche perché non c’è mai?  Perché cosa viviamo? Viviamo per essere sempre visibili e per essere rispettati temuti voluti bene ammirati?  Il dramma è che qualcuno ci crede, che pensa che sia quella la strada, che l’origine della propria insoddisfazione consista nella propria invisibilità. Peggio: il mondo senza Dio si scopre esigente, moralista, spietato nei giudizi, intransigente (con gli altri). Ma, grazie a Dio, Gesù ci dona un messaggio opposto: non abbiamo bisogno di mostrarci, di apparire,  valiamo per quello che siamo. Con i nostri limiti e difetti. Bassi, alti con le gobbe o meno, grassi e magri.. L’autostima che nasce nel nostro cuore non è misurata dalle nostre abilità, no, ma dal fatto che siamo pensati, voluti e amati dal nostro Dio. Noi valiamo, siamo importanti questo è il messaggio della Scrittura, siamo  preziosi agli occhi di Dio. Non hanno importanza i nostri limiti  né la misura della nostra paura. Non importa cosa gli altri pensano di noi: noi  valiamo, siamo preziosi agli occhi di Dio. Perciò non abbiamo la  necessità di ostentare, di cercare ossessivamente una visibilità che il mondo ci nega o riserva a pochissimi eletti. Noi  valiamo, anche se non vinceremo mai nessuna medaglia d’oro. Noi  valiamo, non svendiamo la nostra dignità, coltiviamo il dentro e se coltiviamo il fuori, e coltiviamolo, che sia sempre e solo trasparenza del dentro.

Buona Domenica

Totò Sauna

Stampa articolo
Visualizzazioni articolo: 2.199
Rubriche

di più in Rubriche

Vi do un comandamento: che vi amiate gli uni gli altri. Come io ho amato voi

Redazione19 Maggio 2019

Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono

Redazione12 Maggio 2019

Una cascata di pesce ….. e Pietro capitola!

Redazione5 Maggio 2019

«Se non vedo… io non credo».

Redazione28 Aprile 2019

Ha sconfitto la morte. E’ risorto

Redazione21 Aprile 2019

“Giovani traditi dall’ondata di nazionalismo”

Redazione15 Aprile 2019

“..Crocifiggilo, crocifiggilo!”

Redazione14 Aprile 2019

La donna sorpresa in adulterio

Redazione7 Aprile 2019

“.. questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”

Redazione31 Marzo 2019