Attualità

Se la Sicilia riparte dalle sue eccellenze l’Europa è con lei

Se la Sicilia riparte dalle sue eccellenze l’Europa è con lei

Bruxelles – Fare squadra per vincere la scommessa dell’agroalimentare in Europa e valorizzare le eccellenze siciliane: pane, formaggi, salumi, marmellate, conserve, olio, ortaggi e legumi grazie alle politiche di qualità dell’Unione Europea. Ne ha discusso a Catania, l’eurodeputato del Pd, Michela Giuffrida, che è anche componente della Commissione Agricoltura e sviluppo rurale al Parlamento Ue, durante un evento-degustazione dei prodotti tipici dell’Isola.
“Le politiche europee per l’agroalimentare ci sono e mettono a disposizione un patrimonio immenso – ha detto Michela Giuffrida – in termini economici e in termini di opportunità. L’export agroalimentare è quello che fa volare la nostra economia ed è l’unico segno ‘+’ della nostra economia: perché nel mondo c’è voglia di agroalimentare italiano, di Made in Sicily. Tutto questo perché noi siamo un brand. Solo che nell’immaginario collettivo e soprattutto in quello economico, aziendale, amministrativo e burocratico di tante imprese siciliane è un concetto che non riesce, non si sa per quale motivo, ad attecchire. Molti riescono ad esportare e hanno fatto la fortuna delle loro aziende e sono diventati grandi cominciando con una start up, ma ancora c’è tanto da fare. Bisogna innanzitutto fare squadra, fare rete perché le politiche agroalimentari hanno un solo limite non prevedono il soggetto singolo, non prevedono la piccola impresa, ma le grandi quantità oppure le idee particolari”.
Il grande numero di marchi europei Dop e Igp riconosciuti testimonia, infatti, l’eccezionale qualità delle produzioni siciliane. “Certamente la Sicilia non può competere per grandi quantità di eccellenze – ha aggiunto l’eurodeputato – ma può competere con la qualità dei nostri prodotti. Aggregarsi per spuntare il migliore accordo con la grande distribuzione e’ il segreto. E in questo si viene veramente aiutati dalle politiche di qualità dell’Unione Europea. I marchi Igp, Doc e Dop sono tutti marchi che vengono certificati da Bruxelles: per questo serve investire e coltivare questo fronte per fare crescere le nostre aziende, la nostra economia e la nostra terra che di tutto ha bisogno tranne che di contribuiti in più. Quelli ci sono, bisogna sfruttarli”.

banner vision

Stampa articolo
Visualizzazioni articolo: 815
Attualità

di più in Attualità

Gli attestati di solidarietà per l’attentato incendiario ai danni del vicesindaco

Redazione21 giugno 2018

La Lega chiede rispetto per la città abbandonata

Redazione21 giugno 2018

I festeggiamenti per la Madonna delle Grazie con la preghiera per Tommaso

Liliana Blanco20 giugno 2018

Il giovedì di festa di via Rossini e dintorni

Liliana Blanco20 giugno 2018

I medici gelesi prestati ai servizi di qualità, mentre qui si muore

Redazione20 giugno 2018

Dopo l’ emergenza il sindaco chiede il potenziamento della chirurgia

Redazione20 giugno 2018

In libertà i due gelesi accusati di smaltimento arbitrario di materiale ferroso

Liliana Blanco19 giugno 2018

Niscemi è città ‘cardioprotetta’, tre defibrillatori in punti strategici

Redazione19 giugno 2018

I laboratori creativi del Grest 2018 della parrocchia San Francesco

Redazione19 giugno 2018

Una ventata di freschezza nel panorama giornalistico locale. Una nuova avventura “web-based” voluta, creata e condotta da un team giovane e competente. Una piazza virtuale per tutti i gelesi sparsi nel mondo e non solo. Questo e molto altro nel nuovo web-magazine che racconterà Gela e il circondario attraverso notizie in tempo reale, approfondimenti e una particolare attenzione alle storie, ai personaggi e agli eventi.

iscritto al n.3/2010 del registro di stampa in data 28/05/2010 del tribunale di Gela
Direttore Responsabile: Rosa Laura Battaglia - Editore: Pubblivision P.IVA: 01991870856