Rubriche

Sammito: no alle facili mozioni-slogan

Sammito: no alle facili mozioni-slogan

Continua il nostro viaggio fra i personaggi della politica gelese. Oggi incontriamo il consigliere comunale Salvatore Sammito di Un’altra Gela:

Per lei è la prima esperienza da consigliere comunale: se l’aspettava così o l’ha trovato diverso. Come la vive?

“L’esperienza  da Consigliere Comunale è affascinante. Ritengo che la politica è bella se fatta con passione e dedizione al solo scopo di servire la comunità. Io, per quella che è la mia formazione cristiana e sociale vivo l’esperienza politica con spirito altruista. Vorrei essere più incisivo nelle politiche sociali a servizio delle fasce deboli. Sto facendo un buon percorso è mi auspico di concretizzare quanto messo in campo durante il mio mandato. Nulla di ciò sarebbe possibile senza il supporto della mia famiglia. Sono loro che pagano il prezzo più grosso del mio impegno fuori dalle mura  domestiche.

 

 … e dal punto di vista umano?

 

Sul piano umano ho avuto ed ho tuttora modo di conoscere tanti gente. Dai colleghi consiglieri agli amministratori passando dai dirigenti e tutto il personale. Con alcuni c’è già alchimia sia per le idee che per le iniziative a favore del territorio con altri cordiali rapporti tranne in aula dove ognuno deve portare avanti le proprie iniziative o contrastare quelli degli altri se ritiene lesive per la comunità.
 A proposito di mozioni di sfiducia: Mozioni si o mozioni no?

 

Io, non sono per gli slogan fini a se stessi. Sono stato eletto dai cittadini che mi hanno votato e a loro devo rendere conto del mio operato. Se saranno i miei elettori a chiederlo io non mi tirerò certo indietro. Non rispondo certamente a certi colleghi che prima fanno eleggere un Sindaco e dopo fanno raccolta firme per sfiduciare l’amministrazione.

 

a proposito di questo: dove sono finiti i valori etici del personaggio politico?

Io, i valori li ho e li mantengo quotidianamente nei rapporti con i concittadini e le istituzioni.Mi sono candidato per contribuire a migliorare la qualità della vita mia e dei miei concittadini per mettere in campo iniziative che possono rendere questo nostro martoriato paese migliore per le generazioni future.

 

Cosa c’è di vero nel passaggio ad un altro gruppo politico?

Il passaggio ad un altro gruppo politico almeno nell’immediato non c’è. Sono stato eletto dietro un simbolo in una lista civica con un programma elettorale ed a sostegno ad un candidato Sindaco.

Oggi, in città rappresento quel simbolo e chi l’ho ha creato e tutti quelli che dietro al quel simbolo ed in quella lista civica mi hanno votato. In un’ottica di crescita politica con i valori cristiani che contraddistinguono la mia azione politica il mio orientamento e verso quelle forze moderate di CENTRODESTRA. Ecco per c’è in atto un dialogo con Forza Italia supportato da Eurodeputati che hanno dato vita un’associazione chiamata Siamo Italiani e dalla quale io, mi sento rappresentato.

Stampa articolo
Visualizzazioni articolo: 2.230
Rubriche

di più in Rubriche

Vi do un comandamento: che vi amiate gli uni gli altri. Come io ho amato voi

Redazione19 Maggio 2019

Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono

Redazione12 Maggio 2019

Una cascata di pesce ….. e Pietro capitola!

Redazione5 Maggio 2019

«Se non vedo… io non credo».

Redazione28 Aprile 2019

Ha sconfitto la morte. E’ risorto

Redazione21 Aprile 2019

“Giovani traditi dall’ondata di nazionalismo”

Redazione15 Aprile 2019

“..Crocifiggilo, crocifiggilo!”

Redazione14 Aprile 2019

La donna sorpresa in adulterio

Redazione7 Aprile 2019

“.. questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”

Redazione31 Marzo 2019