Rubriche

Solo così si può arrivare all’altra riva

Solo così si può arrivare all’altra riva

Rubrica di ispirazione religiosa a cura di Totò Sauna

 

Mt 14, 22-33
[Dopo che la folla ebbe mangiato], subito Gesù costrinse i discepoli a salire sulla barca e a precederlo sull’altra riva, finché non avesse congedato la folla. Congedata la folla, salì sul monte, in disparte, a pregare. Venuta la sera, egli se ne stava lassù, da solo.
La barca intanto distava già molte miglia da terra ed era agitata dalle onde: il vento infatti era contrario. Sul finire della notte egli andò verso di loro camminando sul mare. Vedendolo camminare sul mare, i discepoli furono sconvolti e dissero: «È un fantasma!» e gridarono dalla paura. Ma subito Gesù parlò loro dicendo: «Coraggio, sono io, non abbiate paura!».
Pietro allora gli rispose: «Signore, se sei tu, comandami di venire verso di te sulle acque». Ed egli disse: «Vieni!». Pietro scese dalla barca, si mise a camminare sulle acque e andò verso Gesù. Ma, vedendo che il vento era forte, s’impaurì e, cominciando ad affondare, gridò: «Signore, salvami!». E subito Gesù tese la mano, lo afferrò e gli disse: «Uomo di poca fede, perché hai dubitato?».
Appena saliti sulla barca, il vento cessò. Quelli che erano sulla barca si prostrarono davanti a lui, dicendo: «Davvero tu sei Figlio di Dio!».
Due aspetti di questo brano del vangelo mi portano alla riflessione. Gesù che ha bisogno di appartarsi. Di stare solo per pregare. Ha finito l’incontro con una moltitudine di persone. Ha compiuto il miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci. E ora sta da solo a pregare e parlare con il Padre. D’altronde in che cosa consiste il riposo di Gesù? Nella preghiera. Dopo una giornata intensa di fatiche, cosa fa Gesù? Se ne va, solitario e silenzioso, su un monte a pregare. La preghiera, per Gesù, non è una perdita di tempo. È durante la preghiera che Egli vede i bisogni materiali e spirituali della gente. Infatti, mentre sta assorto nella presenza del Padre vede che i suoi discepoli che stanno attraversando il lago sono in pericolo di vita per la improvvisa tempesta. Cosa fa Gesù? Egli  lascia il posto della preghiera per andare a salvare i discepoli dall’essere travolti dalle onde mosse da venti forti. Chi prega seriamente ama. Dove arriva l’uomo di preghiera, il pericolo passa. L’uomo di preghiera è colui che dà la forza per affrontare i problemi, il conforto nella prova, la forza nelle tentazioni, la verità nel dubbio e la volontà di compiere quella di Dio. L’uomo che non prega vive solo per se stesso. La seconda riflessione è legata al racconto. Gesù viene camminando sulle acque, padroneggiando proprio le paure più terribili che possiamo immaginare, quelle che ci impediscono di gioire, che ci tagliano il fiato .La malattia, la morte di qualcuno che amiamo, l’abbandono, la solitudine. Pietro si tuffa, anche lui vuole camminare sulle acque, sulle difficoltà: si fida, muove i primi passi e poi miseramente sprofonda nel lago agitato. Come tutti. All’inizio della scoperta della Parola ci affidiamo al Signore. Ci abbandoniamo a Lui. Poi, iniziamo a ragionare a pensare, a usare il nostro cervello e ci accorgiamo che stiamo camminando nelle acque profonde e sprofondiamo nella paura. E ci scopriamo deboli. Paurosi. Diei calcolatori. La vita è così: inevitabilmente mischia luce e ombra, momenti esaltanti e momenti faticosi, grandi gioie e forti dubbi. E se, invece di ripiegarci su noi stessi, osiamo metterci in discussione, attendere, cambiare, sperare, pregare, agire, qualcosa accade. Ci scrutiamo, ci guardiamo dentro. Ma, per farlo, dobbiamo necessariamente affrontare i nostri fantasmi e le nostre paure.
Dio non è nella violenza, né nei grandi eventi naturali o nei prodigi, ma nell’intimo di ciascuno di noi. Nella brezza del mattino, nella voce del silenzio.Abbiamo disimparato l’ascolto del silenzio. Il luogo dove incontriamo Dio. Come possono non avere capito gli apostoli? Come possono, davanti alla prima vera prova, avere mostrato tanta indifferenza e tanto cinismo? Cosa serve amare, seguire, accudire, istruire, vivere con loro se poi non hanno cambiato il loro cuore? Se non cambiamo il nostro cuore.Pietro all’inizio si fida e cammina sulle acque .E affonda.
No, non è capace, come noi non siamo capaci, di camminare davvero su ciò che ci spaventa, di passeggiare fischiettando sul ciglio del baratro che costeggia la nostra vita. Vorremmo, ma non siamo così coraggiosi, né così santi.Solo il Maestro, solo il Signore può dominare le alte onde del mare. Solo lui. Noi non siamo capaci, ma il Signore ci sfida, ci spinge ad osare.
Sicuri e certi che il Signore Gesù ci raggiunge nella tempesta.Sempre. Davanti ai dubbi di fede, davanti alle tempeste della vita, il discepolo è chiamato, ad ascoltare nel suo cuore il silenzioso mormorio di Dio, recuperando quella dimensione assoluta che è il silenzio, la preghiera, l’ascolto meditato del grande e quieto oceano della presenza di Dio, per vedere il volto di Dio che si nasconde nel vento, che pare evanescente come un fantasma.

Solo così possiamo arrivare all’altra riva.

Buona Domenica

Totò Sauna

banner vision

Stampa articolo
Visualizzazioni articolo: 731
Rubriche

di più in Rubriche

“..sono stato mandato per le pecore perdute”

Redazione20 agosto 2017

Dio ci vuole trasfigurati, cambiati, trasparenti

Redazione6 agosto 2017

Il regno dei cieli è simile a un mercante in cerca di perle preziose; trovata una perla, vende i suoi averi e la compra

Redazione30 luglio 2017

La parabola del grano e della zizzania

Redazione23 luglio 2017

La parabola del seminatore

Redazione16 luglio 2017

Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro.

Redazione9 luglio 2017

……chi avrà perduto la propria vita per causa mia, la troverà!

Redazione2 luglio 2017

“….non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l’anima..”

Redazione25 giugno 2017

Solennità del Corpus Domini

Redazione18 giugno 2017

Una ventata di freschezza nel panorama giornalistico locale. Una nuova avventura “web-based” voluta, creata e condotta da un team giovane e competente. Una piazza virtuale per tutti i gelesi sparsi nel mondo e non solo. Questo e molto altro nel nuovo web-magazine che racconterà Gela e il circondario attraverso notizie in tempo reale, approfondimenti e una particolare attenzione alle storie, ai personaggi e agli eventi.

iscritto al n.3/2010 del registro di stampa in data 28/05/2010 del tribunale di Gela
Direttore Responsabile: Rosa Laura Battaglia - Editore: Pubblivision P.IVA: 01991870856