Attualità

Pioggia: scoppia il collettore fognario a Macchitella

Pioggia: scoppia il collettore fognario a Macchitella

Gela – E’ un bollettino di guerra. La pioggia non fa per Gela. Fortuna che l’estate dura sette mesi, altrimenti la povera città sarebbe già affondata nell’acqua e fango. Scuole disastrate, negozi allagati e, dulcis in fundo, la rottura di una condotta fognaria che attraversa il costone esterno del quartiere Macchitella e passa da un centro sportivo privato. Un grande tubo del diametro di un metro e mezzo non ha retto alla furia dell’acqua piovana e delle acque nere che vi passano abitualmente: è scoppiato ed ha creato la voragine che vedete nelle foto. Il tubo passa sotto uno dei campi da tennis gestiti dal Circolo sportivo ‘Eschilo tennis club’ gestito dall’insegnante di scienze motorie Raffaele Giudice. E’ accaduto il finimondo. Le acque reflue della fognatura hanno invaso il terreno circostante e parte di uno dei due campi da tennis all’aperto e si è creata una voragine del diametro di 10 metri. Si immagini il fetore e l’allarme igienico che, per fortuna, è stato spazzato via dalla enorme quantità di acqua piovana che è scesa giù dal cielo negli ultimi due giorni.  Già in passato è accaduto un fatto similare ai danni del sindacalista Rocco Siciliano. Il collettore dovrebbe sfociare nel fiume Gattano che però non viene opportunamente bonificato per cui i liquami stagnano e con la modesta capacità che ha, con in più l’acqua piovana, torna indietro e crea pressione tale da farlo scoppiare.  Si è inondata la zona circostante, fino ad arrivare al Mac ‘Donald. I gestori hanno chiamato immediatamente Caltaqua che, senza indugi ha fatto un sopralluogo tempestivo ed ha provveduto ad avviare i lavori. Ma in queste condizioni climatiche non si concluderanno prima di una settimana. Inutile dire che parte del campo è stato sventrato per permettere la sostituzione del grosso cavo che passa sotto il campo.

Da anni si parla della sostituzione della rete idrica e della rete della acque nere. Ma la politica che ha affidato la gestione delle acque a Caltaqua con un contratto trentennale,  prevedendo gli aumenti ciclici dei pagamenti a carico degli utenti, non ha mai monitorato la situazione premendo perché si facessero i lavori di sostituzione della rete delle condotte, impegnata com’era a mercificare i posti di lavoro. Il risultato è questo che vedete nelle immagini: tubi vecchi ed inadeguati e disservizi per gli utenti: “Stiamo pagando un caro prezzo – ha detto il presidente del  Circolo sportivo ‘Eschilo tennis club’, Salvatore Giudice –  per le scelte fatte nel passato da una  classe politica che, alla  ricerca di un facile consenso elettorale, ha preferito  dedicarsi solo alle questioni  di forte  impatto propagandistico, trascurando invece i veri e reali problemi  della città”. La pioggia non è una calamità naturale, l’incuria umana, si.

banner vision

Stampa articolo
Visualizzazioni articolo: 2.166
Attualità

di più in Attualità

L’Asp stabilizza 23 infermieri in provincia

Redazione19 febbraio 2018

Nucleo per il controllo strategico: nominati i professionisti.Sono vicini ai consiglieri

Liliana Blanco19 febbraio 2018

Il Comune di Niscemi aderisce a “CondividiPa”

Redazione19 febbraio 2018

Panificazione domenicale: ricomincia la guerra

Redazione19 febbraio 2018

La nuova scultura-copia

Liliana Blanco18 febbraio 2018

Caltaqua: “nessun potere sulla tariffazione”

Redazione17 febbraio 2018

Annullata una richiesta del Ministero dell’Interno di 60 mila euro.

Redazione17 febbraio 2018

Porto: “urge collaborazione con il gruppo di lavoro. Uniti si vince”

Liliana Blanco16 febbraio 2018

Alla Regione si lavora per il porto di Gela

Liliana Blanco16 febbraio 2018

Una ventata di freschezza nel panorama giornalistico locale. Una nuova avventura “web-based” voluta, creata e condotta da un team giovane e competente. Una piazza virtuale per tutti i gelesi sparsi nel mondo e non solo. Questo e molto altro nel nuovo web-magazine che racconterà Gela e il circondario attraverso notizie in tempo reale, approfondimenti e una particolare attenzione alle storie, ai personaggi e agli eventi.

iscritto al n.3/2010 del registro di stampa in data 28/05/2010 del tribunale di Gela
Direttore Responsabile: Rosa Laura Battaglia - Editore: Pubblivision P.IVA: 01991870856