Rubriche

Gesù gli ordinò severamente: «Taci! Esci da lui!»

Gesù gli ordinò severamente: «Taci! Esci da lui!»

Rubrica di ispirazione religiosa

1,21b-28

In quel tempo, Gesù, entrato di sabato nella sinagoga, [a Cafàrnao,] insegnava. Ed erano stupiti del suo insegnamento: egli infatti insegnava loro come uno che ha autorità, e non come gli scribi.
Ed ecco, nella loro sinagoga vi era un uomo posseduto da uno spirito impuro e cominciò a gridare, dicendo: «Che vuoi da noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? Io so chi tu sei: il santo di Dio!». E Gesù gli ordinò severamente: «Taci! Esci da lui!». E lo spirito impuro, straziandolo e gridando forte, uscì da lui.
Tutti furono presi da timore, tanto che si chiedevano a vicenda: «Che è mai questo? Un insegnamento nuovo, dato con autorità. Comanda persino agli spiriti impuri e gli obbediscono!».
La sua fama si diffuse subito dovunque, in tutta la regione della Galilea.

 

 

È il primo miracolo raccontato dal primo vangelo, quello di Marco, che ci accompagnerà nel corso di quest’anno. Un esorcismo. Ma non pensate ad una di quelle scene truculente viste in un film horror col sacerdote che alza un crocefisso di legno davanti ad un ossesso.

Quelle sono le rappresentazioni delle nostre paure che amano immaginare l’opera del demonio come qualcosa di evidente, eclatante, sensibile, inquietante. Poveri illusi. Come se il demonio avesse interesse a spaventarci. Come se fosse intelligente, da parte sua, farsi riconoscere.

Macché. L’indemoniato del vangelo di oggi è in sinagoga e sta pregando. E prega anche bene visto che nessuno obietta. E deve essere anche uno di quei bravi fedeli visto che suscita così tanto scompiglio la scoperta che, in realtà, appartiene al nemico. Perché così agisce il demonio, quello vero, affascinante e ragionevole. Non ama farsi notare, figuriamoci. Si insinua in mezzo a noi con ragionamenti convincenti. Si nasconde dietro questioni di principio, magari anche sante. Ci fa immaginare di essere nel giusto, di essere dei profeti, dei paladini, dei salvatori, degli innovatori, dei riformatori dei costumi della Chiesa. Che è troppo retrograda. O troppo progressista. Soprattutto nella Chiesa. Soprattutto fra uomini di Chiesa. Sì, perché, tenetevi forte, il primo miracolo che fa Gesù nel primo vangelo scritto da Marco, discepolo di Pietro, è l’esorcismo di uno che prega. Di un grande credente.

Come se Marco/Pietro dicesse: smettetela di vedere il demonio intorno a voi, nel mondo depravato o malvagio. La prima purificazione da fare, il primo esorcismo da praticare è da compiere all’interno della comunità. Ahia. Insegna Gesù. E la gente si stupisce. Marco riserva il verbo insegnare al Maestro. Gli apostoli non faranno che riportare il suo insegnamento. Stupisce perché ha autorevolezza.

Autorevole è chi dice ciò che pensa e ciò che vive. Che non si nasconde dietro il ruolo, che non si appella all’autorità che deve essergli riconosciuta. Che non pensa di dover essere ascoltato e basta. E magari anche obbedito. Basta guardarsi intorno in questo tempo di clima pre-elettorale. Fiumi di parole e di promesse. Abili sofismi che non cercano la verità ma il consenso. Ma il delirio dell’autoritarismo può colpire anche noi. Devi darmi retta perché sono tuo padre, tua madre, il tuo parroco, il tuo vescovo.

Devi! Gesù non ha nessun titolo per parlare. Eppure lo fa. Non ha nemmeno studiato, cosa che gli sarà rimproverata molte volte. Eppure insegna. E il suo insegnamento rivela le vere intenzioni dei cuori.

Fa uscire la tenebra. Anche quella che alberga nel mio cuore. Grida, ora, l’ossesso. Interrompe la liturgia, tutti si voltano, intimoriti. È un credente a parlare, certo. Ma la sua fede è una fede demoniaca.

Che vuoi da noi? È demoniaca una fede che pensa a Dio come a qualcuno cui dover rendere conto, come un inesorabile esattore, come un controllore, uno spione, uno pronto a giudicare e a condannare. E quanti, fra noi, pur frequentando la sinagoga, portano nel cuore quest’ombra infamante.

Sei venuto a rovinarci! È demoniaca una fede che crede in un dio avversario dell’uomo, un dio invidioso della nostra libertà, un dio che vuole trarre in inganno per cogliere in fallo. Molti, ancora oggi, pensano che se Dio c’è loro sono rovinati. E molti cristiani, purtroppo, che vivono la loro fede da castrati non da redenti e da uomini risolti e in fioritura. So chi tu sei! Il Santo di Dio! È demoniaca una fede che si fonda sulla conoscenza senza contagiare la vita, la decisione, l’azione. Una fede astratta, appiattita sul culto, sull’abitudine, relegata in sacrestia. Grandi devozioni dentro la chiesa. Giudizi taglienti, razzismo, rabbia, odio appena usciti dalla porta. Sant’Agostino diceva: non vantarti di credere che Gesù è il Santo di Dio. Ancora non ti distingui dai demoni! Il demone esce, straziando il credente. Non è indolore la conversione, non si acquista in saldo. Costa e costa molto. A volte ci sembra che costi davvero troppo.

Ma è l’unica strada per essere liberi, per diventare liberi, per diventare quei pescatori di umanità che Gesù cerca come collaboratori alla diffusione del Regno.

 

E anche noi, come la folla, restiamo stupiti.

Liberaci, Maestro.

banner vision

Stampa articolo
Visualizzazioni articolo: 1.262
Rubriche

di più in Rubriche

Il Paraclito, Consolatore ci dà la spinta per uscire fuori dalla mediocrità

Redazione20 maggio 2018

“Chi crederà e sarà battezzato sarà salvato, ma chi non crederà sarà condannato”

Redazione13 maggio 2018

“Amatevi gli uni gli altri come io ho amato voi”

Redazione6 maggio 2018

“Io sono la vite vera e il Padre mio è l’agricoltore”

Redazione29 aprile 2018

La parabola del buon pastore

Redazione22 aprile 2018

“Guardate le mie mani e i miei piedi: sono proprio io!”

Redazione15 aprile 2018

“Non c’è più, è risorto!”

Redazione1 aprile 2018

Osanna! Benedetto colui che viene nel nome del Signore!

Redazione25 marzo 2018

Chi ama la propria vita, la perde e chi la odia, la conserverà

Redazione18 marzo 2018

Una ventata di freschezza nel panorama giornalistico locale. Una nuova avventura “web-based” voluta, creata e condotta da un team giovane e competente. Una piazza virtuale per tutti i gelesi sparsi nel mondo e non solo. Questo e molto altro nel nuovo web-magazine che racconterà Gela e il circondario attraverso notizie in tempo reale, approfondimenti e una particolare attenzione alle storie, ai personaggi e agli eventi.

iscritto al n.3/2010 del registro di stampa in data 28/05/2010 del tribunale di Gela
Direttore Responsabile: Rosa Laura Battaglia - Editore: Pubblivision P.IVA: 01991870856