Il progetto che Vi proponiamo è di ri–costruire con Noi l’Italia.
Il nostro programma è un patto per un’alleanza tra cittadini e politica.
Un’alleanza fondata sulla serietà, responsabilità e concretezza.
NOI vogliamo riportare la persona al centro dell’azione politica per sostenere l’uguaglianza sociale.
NOI siamo per l’Italia.
NOI siamo con i cittadini.
Il nostro fine è il bene comune.
La nostra forza è la responsabilità.

POLITICHE SOCIALI

CONTRATTO CON GLI ITALIANI

#industria4.0 – #piùimprese

Imprese più competitive grazie al sostegno al credito, alla riduzione della pressione fiscale e al potenziamento del fondo di garanzia delle PMI. Sviluppo Industria 4.0;
Concessione del credito d’imposta alle imprese, con l’obiettivo di favorire la competitività,
l’internazionalizzazione, la digitalizzazione dei processi e l’innovazione. Misure premiali per le imprese che si collegano stabilmente con i centri di ricerca e si impegnano ad assumere capitale umano qualificato;
Applicazione integrale dei principi dello Small Business Act dell’Unione Europea e dello Statuto delle imprese (Legge 190/2011);
Approvazione della Legge annuale per micro, piccole e medie imprese. Semplificazione e revisione di tutte le leggi su imprese, lavoro, ambiente e PA differenziandole secondo i principi di proporzionalità, specificità, sostenibilità (anche economica) ed eliminazione di tutti gli oneri e i costi
non richiesti dall’Unione Europea;
Modifica split payment rendendo neutra l’applicazione dell’IVA su tutta la filiera di produzione;
Valorizzazione della certificazione resa da professionisti e enti abilitati al fine di renderla sostitutiva dell’assenso delle PA;
Nuova normativa sui tempi di pagamento dei fornitori collegandoli alla consegna del bene/servizio e non solo alla fatturazione;
Realizzazione di un fondo sul modello francese per il sostegno delle start up tecnologiche e finanziamento del loro lancio sul mercato. Defiscalizzazione per 10 anni sia per le start up che per gli investitori;
Nuova riforma delle Camere di Commercio partendo dagli obiettivi di sviluppo economico dei territori (banda ultra larga, internazionalizzazione, innovazione, semplificazione);
1. Riduzione del cuneo fiscale a beneficio di imprese e lavoratori;
2. Ripristino dei voucher, per consentire forme di lavoro accessorio;
3. Creazione di un sistema assicurativo contro il rischio di disoccupazione, anche per imprenditori
e partite IVA;
4. Trasferimento sui giovani che hanno lavori flessibili delle risorse della contribuzione figurativa,
oggi riservata solo ad alcune categorie privilegiate;
5. Aumento dei salari di produttività e incentivi alla contrattazione decentrata;
Premi fiscali per le imprese che consentono la partecipazione dei dipendenti agli utili e introducono nuovi modelli efficienti di organizzazione del lavoro.

NOI CON L’ARTIGIANATO E LA MICRO IMPRESA

#artigianatoitaliano – #madeinitaly

Sviluppo delle micro imprese: sostenere l’accesso alle risorse energetiche a condizioni di concorrenza. Incentivare la digitalizzazione e l’innovazione. Promuovere la tracciabilità del prodotto
con l’indicazione di origine obbligatoria. Migliorare il contesto normativo. Assicurare il passaggio dall’accesso a quello della finanza d’impresa.

NOI CON L’AGRICOLTURA

#agricolturaitaliana – #prodottoinitalia

Valorizzazione dei punti di forza che distinguono il nostro sistema produttivo primario. Agire in sede UE per una PAC sempre più efficace. Sostenere l’imprenditoria agricola. Tutelare il Made in Italy e contrastare la concorrenza sleale, anche attraverso la tracciabilità dei prodotti DOC.

NOI CON LA FAMIGLIA E PER LA TUTELA DELLA VITA

#famigliaimpresasociale – #sosteniamolanatalità

Proposta di una legge quadro che preveda una progressiva applicazione del “quoziente familiare” per una significativa riduzione del fisco in proporzione alla composizione dei nuclei familiari, con priorità dei figli a carico e conseguente revisione dell’ISEE.
Nuovo piano straordinario per la natalità con asili nido gratuiti e maggiori tutele per le donne lavoratrici;
Totale detassazione dei contratti di locazione per le famiglie con figli a carico;
Detrazione delle rette per scuole materne e asili nido paritari e delle spese per gli anziani a carico ricoverati nelle case di riposo private per gravi patologie.
Disciplina e monitoraggio del Fondo Educativo 06-65/17 per il sostegno delle scuole pubbliche e private dell’infanzia. Aumento delle risorse del Fondo Nazionale per le non autosufficienze e reperimento risorse adeguate per contire il funzionamento della legge “Dopo di noi”. Creazione di un’anagrafica della disabilità;

Reintroduzione del Ministero per la Famiglia;
Sistemi di protezione e videosorveglianza in scuole e case di riposo;
No teorie gender nelle scuole senza previa autorizzazione dei genitori;
Istituzione del reato internazionale della surrogazione di maternità (utero in