Attualità

Caltaqua: “nessun potere sulla tariffazione”

Caltaqua: “nessun potere sulla tariffazione”

CALTANISSETTA – Sulla vicenda della richiesta di ricalcolo della quota fissa della bolletta idrica, che periodicamente  torna all’evidenza della cronaca per le azioni messe in campo  da movimenti e associazioni, Caltaqua – Acque di Caltanissetta SpA, gestore del servizio idrico integrato per il territorio della provincia di Caltanissetta,  ribadisce per l’ennesima volta che sulla specifica questione il Gestore non ha alcun margine di autonoma determinazione. Giova, evidentemente, ricordare – sulla scorta di quanto già fatto, in circostanze analoghe,  due volte nell’arco degli ultimi dieci mesi – che la materia della tariffazione ha una cornice di disposizioni che su scala nazionale appronta l’Authority e che viene poi declinata, su base territoriale, sulla scorta delle decisioni dell’ATO.

A tal proposito appare decisamente sintomatico dell’esclusione del Gestore da qualsivoglia processo di formazione della tariffa e delle sue specifiche articolazioni, che attualmente l’Authority sta rideterminando in dettaglio i singoli parametri per l’anno 2018 e tra questi proprio la quota fissa.

Caltaqua rammenta ancora che appena meno di un anno fa il Consiglio di Stato ha stabilito che la radice della quota fissa è rappresentata dal calcolo del costo finanziario standard ed ha la finalità di coprire i rischi degli investimenti nel settore idrico attuati dal soggetto gestore. Per cui, anche alla luce del disposto dell’articolo 47 del Regolamento idrico integrato, la quota fissa della tariffa NON è ancorata al consumo effettivo – né a nessun altro elemento variabile – bensì alla predisposizione di reti, impianti e macchina organizzativa che hanno un costo indipendente dalla quantità di acqua erogata. Ciò, per altro, in analogia anche a quel che accade per il servizio di fornitura di energia elettrica e del gas.

A giudizio del Gestore appaiono, dunque, non esatte le motivazioni che stanno alla base delle iniziative proposte tendenti ad ottenere una “rettifica” della quota fissa con la conseguenza di fornire all’utenza informazioni non allineate a quel che prevede la normativa di settore quando non fuorvianti.

Caltaqua resta in ogni caso a disposizione dell’utenza con tutte le proprie strutture informative e di orientamento attraverso i propri canali ufficiali (front office, sito internet, call center e servizio postale convenzionale) per individuare caso per caso, laddove possibile, utili percorsi da seguire.

Stampa articolo
banner vision
Visualizzazioni articolo: 466
Attualità

di più in Attualità

Domani niente acqua a Caposoprano

Redazione25 Marzo 2019

C’è anche Gela nel progetto di Eni e CNR per lo sviluppo e la ricerca in Italia

Redazione25 Marzo 2019

Via Borromini abbandonata: il presidente del Comitato denuncia

Liliana Blanco24 Marzo 2019

Ecocardiodoppler cercasi: la denuncia di Incarbone

Redazione23 Marzo 2019

“La Solidarietà non ha limiti” all’Aias

Redazione23 Marzo 2019

Sosta a pagamento: la protesta si sposta alla Ghelas

Liliana Blanco22 Marzo 2019

Formazione: la Corte dei conti condanna la giunta Crocetta

Redazione22 Marzo 2019

Erbe selvatiche a go-go’

Liliana Blanco22 Marzo 2019

“Calzini spaiati” per Marta Scicolone all’Enrico Solito

Rosa Battaglia21 Marzo 2019