Rubriche

Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni, tentato da Satana

Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni, tentato da Satana

Rubrica di ispirazione religiosa.

 

Mc 1,12-15
In quel tempo, lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni, tentato da Satana. Stava con le bestie selvatiche e gli angeli lo servivano.
Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo»..Mc 1,12-15

Nella  vita di ogni giorno, abbiamo dei momenti in cui  abbiamo bisogno di riposo, di riflettere, di pensare,di scegliere. Non possiamo vivere non avendo un progetto, un cammino, un viale. E’ necessario dare un senso, una motivazione alla vita. Per  trovarlo abbiamo bisogno di silenzio, di guardaci dentro.  Ci sono momenti in cui questo ci viene più facile. Sarà l’atmosfera, sarà la primavera, i colori,il sole, ci viene più facile fermarci, non correre. Anche se ci fermiamo un attimo, non succede nulla. La  vita che ci sta attorno andrà avanti senza di noi. Non siamo indispensabili. Nessuno se ne accorgerà. Fermiamoci  e iniziamo a riflettere, capire e dare le risposte a quello che cerchiamo, per che cosa viviamo. Anche, Gesù ha vissuto questi momenti. Alla fine della sua vita terrena va in un deserto. Per prepararsi alla vita pubblica, per pregare,  cosi anche noi abbiamo bisogno di questo spazio. Doveroso in questo periodo. Siamo bombardati in maniera continua da notizie. Belle, brutte di tutti i colori. Stiamo davanti ai computer ore e ore al giorno, collegati con tutto il mondo. Siamo capaci di allacciare grandi amicizie, grandi rapporti, però poi non siamo pronti a volere bene chi ci sta accanto. Incapaci di fare un sorriso una carezza chi ci sta vicino. Allora, fermiamoci, riflettiamo,  dove stiamo andando? Possibile che la mia e la tua vita è un correre continuo? Possibile che ci fermiamo solo quando ci capita una disgrazia e lì siamo pronti a fare grandi riflessioni, grandi pensieri, ma poi girato l’angolo si continua la vita di sempre. Fino alla prossima.  La quaresima serve a questo, serve a fermarci, ad ascoltarci, ad ascoltare, serve a riflettere, a capire, a scrutare dentro il nostro cuore e vedere dentro di noi l’ostacolo, i muri che non ci permettono di realizzarci di abbracciare il nostro Dio. Gli Evangelisti ci parlano di questi ostacoli, che poi sono quelli che il Diavolo usa per  tentare Gesù. Il potere, la ricchezza. I secoli non hanno cambiato le tentazioni,  non hanno  cambiato il cuore dell’uomo. Ma dalla quaresima si esce più forti, più coraggiosi, pronti,preparati, più capaci di resistere alle catechesi che ogni girono il mondo ci propone. Saldi, non più vittime dei venti,delle idee, ma forti di Qualcosa dentro, che resiste alle intemperie, che ci tiene sulla strada maestra, che non ci fa prendere sbandate. Una strada che ci porta alla vera salvezza, alla vera realizzazione della nostra vita. Allora come affronteremo allora questo periodo? Con  la piena disponibilità a cambiare, ad accogliere Gesù nel nostro cuore. Con la piena certezza che solo Lui può guidarci. La tentazione è quella di non voler cambiare, di continuare la nostra vita, fatte di lamentele ed incompiute. Poi in questi anni siamo inondati di parole. Molte volte vuote e ci accorgiamo e tocchiamo con mano, come solo le Parole di Gesù, al contrario, siano vere, piene . Perché allora resistiamo alla sua Parola? Perché pieni di orgoglio, di superbia, di sete, di potere ci lasciamo coinvolgere, illudere da un mondo che ci fa solo promesse e che ci  lascia i in mano un pugno di mosche. Ci illudiamo  che noi siamo Cristo. Pensiamo che noi siamo gli artefici della vita. Vogliamo essere come Dio. Siamo gli artefici di tutto. Un’ambizione grande. Scopriamo,poi, la nostra debolezza i nostri limiti, le nostre difficoltà. La quaresima è un invito a Convertirci, a cambiare rotta, ad andare oltre, a superare se stessi e orientare la nostra vita verso un cammino di vera salvezza.


In quel tempo, lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni, tentato da Satana. Stava con le bestie selvatiche e gli angeli lo servivano.
Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo».Mc 1,12-15

Nella  vita di ogni giorno, abbiamo dei momenti in cui  abbiamo bisogno di riposo, di riflettere, di pensare,di scegliere. Non possiamo vivere non avendo un progetto, un cammino, un viale. E’ necessario dare un senso, una motivazione alla vita. Per  trovarlo abbiamo bisogno di silenzio, di guardaci dentro.  Ci sono momenti in cui questo ci viene più facile. Sarà l’atmosfera, sarà la primavera, i colori,il sole, ci viene più facile fermarci, non correre. Anche se ci fermiamo un attimo, non succede nulla. La  vita che ci sta attorno andrà avanti senza di noi. Non siamo indispensabili. Nessuno se ne accorgerà. Fermiamoci  e iniziamo a riflettere, capire e dare le risposte a quello che cerchiamo, per che cosa viviamo. Anche, Gesù ha vissuto questi momenti. Alla fine della sua vita terrena va in un deserto. Per prepararsi alla vita pubblica, per pregare,  cosi anche noi abbiamo bisogno di questo spazio. Doveroso in questo periodo. Siamo bombardati in maniera continua da notizie. Belle, brutte di tutti i colori. Stiamo davanti ai computer ore e ore al giorno, collegati con tutto il mondo. Siamo capaci di allacciare grandi amicizie, grandi rapporti, però poi non siamo pronti a volere bene chi ci sta accanto. Incapaci di fare un sorriso una carezza chi ci sta vicino. Allora, fermiamoci, riflettiamo,  dove stiamo andando? Possibile che la mia e la tua vita è un correre continuo? Possibile che ci fermiamo solo quando ci capita una disgrazia e lì siamo pronti a fare grandi riflessioni, grandi pensieri, ma poi girato l’angolo si continua la vita di sempre. Fino alla prossima.  La quaresima serve a questo, serve a fermarci, ad ascoltarci, ad ascoltare, serve a riflettere, a capire, a scrutare dentro il nostro cuore e vedere dentro di noi l’ostacolo, i muri che non ci permettono di realizzarci di abbracciare il nostro Dio. Gli Evangelisti ci parlano di questi ostacoli, che poi sono quelli che il Diavolo usa per  tentare Gesù. Il potere, la ricchezza. I secoli non hanno cambiato le tentazioni,  non hanno  cambiato il cuore dell’uomo. Ma dalla quaresima si esce più forti, più coraggiosi, pronti,preparati, più capaci di resistere alle catechesi che ogni girono il mondo ci propone. Saldi, non più vittime dei venti,delle idee, ma forti di Qualcosa dentro, che resiste alle intemperie, che ci tiene sulla strada maestra, che non ci fa prendere sbandate. Una strada che ci porta alla vera salvezza, alla vera realizzazione della nostra vita. Allora come affronteremo allora questo periodo? Con  la piena disponibilità a cambiare, ad accogliere Gesù nel nostro cuore. Con la piena certezza che solo Lui può guidarci. La tentazione è quella di non voler cambiare, di continuare la nostra vita, fatte di lamentele ed incompiute. Poi in questi anni siamo inondati di parole. Molte volte vuote e ci accorgiamo e tocchiamo con mano, come solo le Parole di Gesù, al contrario, siano vere, piene . Perché allora resistiamo alla sua Parola? Perché pieni di orgoglio, di superbia, di sete, di potere ci lasciamo coinvolgere, illudere da un mondo che ci fa solo promesse e che ci  lascia i in mano un pugno di mosche. Ci illudiamo  che noi siamo Cristo. Pensiamo che noi siamo gli artefici della vita. Vogliamo essere come Dio. Siamo gli artefici di tutto. Un’ambizione grande. Scopriamo,poi, la nostra debolezza i nostri limiti, le nostre difficoltà. La quaresima è un invito a Convertirci, a cambiare rotta, ad andare oltre, a superare se stessi e orientare la nostra vita verso un cammino di vera salvezza.

Stampa articolo
Visualizzazioni articolo: 859
Rubriche

di più in Rubriche

«Se uno vuole essere il primo, sia l’ultimo di tutti e il servitore di tutti»

Redazione23 settembre 2018

“Effatà”: fa udire i sordi e fa parlare i muti!

Liliana Blanco9 settembre 2018

Sono le cose che escono dall’uomo a renderlo impuro

Redazione2 settembre 2018

“Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno …”

Redazione19 agosto 2018

Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno

Redazione12 agosto 2018

“Datevi da fare per il cibo che rimane per la vita eterna”

Redazione5 agosto 2018

“…erano come pecore che non hanno pastore…”

Redazione22 luglio 2018

Gesù chiamò a sé i Dodici : “Andate e predicate il Vangelo”

Redazione15 luglio 2018

“Un profeta non è disprezzato se non nella sua patria”

Redazione8 luglio 2018

Una ventata di freschezza nel panorama giornalistico locale. Una nuova avventura “web-based” voluta, creata e condotta da un team giovane e competente. Una piazza virtuale per tutti i gelesi sparsi nel mondo e non solo. Questo e molto altro nel nuovo web-magazine che racconterà Gela e il circondario attraverso notizie in tempo reale, approfondimenti e una particolare attenzione alle storie, ai personaggi e agli eventi.

iscritto al n.3/2010 del registro di stampa in data 28/05/2010 del tribunale di Gela
Direttore Responsabile: Rosa Laura Battaglia - Editore: Pubblivision P.IVA: 01991870856