Attualità

Per la Cassazione è stato illegittimo l’arresto di Nicosia

Per la Cassazione è stato illegittimo l’arresto di Nicosia

Vittoria – Illegittima anche per la Cassazione l’ordinanza con cui, lo scorso settembre, era stato disposto l’arresto dell’avv. Giuseppe Nicosia, ex sindaco di Vittoria.

Anche la suprema Corte di Cassazione, rigettando il ricorso della procura di Catania, conferma l’annullamento, stavolta in via definitiva, dell’ordinanza cautelare già travolta dal Tribunale del riesame nell’ottobre 2017.

Diventa, dunque, cosa giudicata l’illegittimità delle richieste di arresto della Procura e la conseguente ordinanza per mancanza di indizi.

Prima con il tribunale del riesame e ora con il provvedimento della suprema Corte si conferma la mancanza di indizi dei reati per cui era stato disposto l’arresto e si suggella la valutazione del Tribunale del riesame che aveva ritenuto inesistente altresì l’ipotesi di scambio di voto con la criminalità, non sussistendo né la mafia, né l’ipotesi di vantaggi personali ed economici per i soggetti coinvolti.

Gli arresti per me e mio fratello – vittime di un clamoroso errore giudiziario che,a maggior ragione dopo il pronunciamento da parte della più alta corte di giustizia ha l’amaro sapore del sopruso – sono stati, dunque, illegittimamente spiccati e non dovevano mai esistere.

Le ipotesi accusatorie del 21 settembre con l’annullamento giudiziario passato in giudicato non esistono e non hanno più alcuna vita propria. Giuridicamente, invece, il procedimento versa ancora nella fase delle indagini preliminari, contravvenendo a qualunque ordinario svolgimento dei termini previsti dal codice di rito.

Le imputazioni infamanti contenute nell’ordinanza cautelare, diffuse a mezzo conferenza stampa e dilagate in tutta Italia con la loro violenza al decoro delle persone ingiustamente incolpate, ancorché non ritenute credibili da quanti ci conoscono, adesso non esistono più neppure giudiziariamente  e resta semmai il brutto ricordo di una giustizia che non ha funzionato e non ha reso onore  al codice.

Le ipotesi accusatorie del 21 settembre 2017 diventano null’altro che una nube di quell’avvio di autunno, spazzate via, proprio nel primo giorno di primavera.

Stampa articolo
banner vision
Visualizzazioni articolo: 442
Attualità

di più in Attualità

La Gela pulita scende in piazza: #non ci fate paura

Liliana Blanco20 ottobre 2018

Acqua non potabile a Butera

Liliana Blanco19 ottobre 2018

B-cool. Salvo racconta: “lì c’era la nostra vita e quella di chi l’ha vissuto con noi”

Liliana Blanco19 ottobre 2018

Giudice (Cgil): “Gela da città allagata a città bruciata”

Redazione19 ottobre 2018

La Consulta comunale di Niscemi si pronuncia sul tragico gesto

Redazione19 ottobre 2018

Siciliano ha la ricetta per superare la crisi economica

Redazione19 ottobre 2018

Ragusa dopo il nubifragio: chiesto lo stato di calamità naturale

Liliana Blanco19 ottobre 2018

Attestati di solidarietà ai titolari danneggiati

Liliana Blanco19 ottobre 2018

Gli studenti in piazza per chiedere servizi di edilizia scolastica

Redazione19 ottobre 2018