Attualità

Gela-Malta: si presenta il progetto alla città

Gela-Malta: si presenta il progetto alla città

E’ stato presentato stamattina al Palazzo di Città l’incontro pubblico sul tema: Realizzazione di un gasdotto Malta-Italia Delimara (Malta) – Gela (Sicilia- Italia) Unione Europea – Progetto di Interesse Comune 5.19, si farà come da programma, senza consultazioni. L’incontro si svolgerà a Gela, nell’Edificio A.S.I. – Contrada Brucazzi / Zona Industriale, dove l’amministrazione ha amici che l’hanno accolta e si terrà Martedì, 17 Aprile 2018 dalle ore 14:00 alle ore 17:00. Interverrà l’Autorità competente al rilascio dell’autorizzazione unica alla costruzione ed esercizio del metanodotto (Ministero dello Sviluppo economico – MISE).

Ecco i contenuti della brochure di presentazione: “In base alle conclusioni del Consiglio Europeo del 4 Febbraio 2011, il Consiglio ha precisato che “nessuno Stato membro dell’Unione Europea dovrebbe rimanere isolato dalla rete gas e elettrica Europea dopo il 2015 o vedere la sua sicurezza energetica minacciata dalla mancanza di una connessione appropriata”. Considerato che il Consiglio Europeo nel Marzo 2015 ha posto l’accento sulla velocizzazione dei progetti infrastrutturali, “incluso le interconnessioni, in particolare, nelle regioni periferiche” e una Strategia Quadro per un’Unione dell’Energia Resiliente, corredata da una politica lungimirante in materia di cambiamenti climatici” che ponga fine alle isole energetiche dalle principali reti elettriche e di gas, il Governo Maltese intende implementare la connessione alla rete gas trans-europea per porre fine all’isolamento maltese. Il progetto gasdotto Malta-Sicilia proposto con una capacità di 232.000 metri cubi/ora consiste in una condotta di diametro 22 pollici (56 centimetri), che si realizzerà tra Gela, in Sicilia, e Delimara, a Malta. Il progetto collegherà Malta alla rete europea del gas e contribuirà all’integrazione del mercato interno dell’energia; inoltre il progetto avrà i seguenti principali obiettivi:  sostituirà il GNL (gas naturale liquefatto) per la produzione di energia elettrica a Malta;  contribuirà alla flessibilità complessiva e l’interoperabilità del sistema in quanto offrirà nel futuro la possibilità di capacità per i flussi inversi;.  contribuirà alla diversificazione delle fonti e percorsi alternativi d’importazione;  completerà la strategia dell’Unione dell’energia verso la diversificazione delle fonti, delle rotte e dei fornitori di gas naturale;  garantirà a Malta una maggiore sicurezza di approvvigionamento e un migliore accesso alle risorse di gasnaturale Il progetto consiste in:  una stazione terminale recintata di superfice 4.390 m2 a Gela per il collegamento del gasdotto alla rete SNAM Rete Gas inSicilia;  un gasdotto interrato da 22 pollici lungo circa 7 chilometri tra la stazione terminale di Gela e il litorale siciliano. Lungo il percorso sono previste tre stazioni recintate per le valvole di intercettazione, di superficie 210 m2 ;  un gasdotto sottomarino da 22 pollici lungo 151 km tra l’approdo di Gela (Sicilia) e l’approdo di Delimara(Malta).  un gasdotto sotterraneo di 22” tra l’approdo di Malta e la stazione terminale di Delimara.  Una condotta sotterranea di 0.7 km, che attraverserà la penisola di Delimara tramite un sistema che non prevede scavi (trench-less), dal punto di approdo maltese fino alla stazione di ricezione a Delimara. Il corridoio del gasdotto offshore proposto è stato delineato tenendo conto della morfologia del fondale, dei potenziali rischi geologici e delle aree ecologicamente sensibili. La rotta proposta tiene conto inoltre dei vincoli tecnici di posa del metanodotto tra cui i limiti per i raggi di curvatura. Il percorso è stato selezionato considerando quindi quanto segue:  evitare e ridurre al minimo il rischio di attività umana, gli impatti ambientali e le aree sensibili dal punto di vistaambientale;  ridurre al minimo i rischi legati alle caratteristiche dei fondali marini e ai geohazard;  considerare vincoli e requisiti di attraversamento relativamente a infrastrutture già esistenti (cavi e gasdottiesistenti). Il metanodotto rientra dal 2013 tra i progetti di interesse comune (PCI) dell’Unione Europea (Progetto 5.19). 1. Consultazione Ai sensi dell’art. 9”. (4) del Regolamento europeo n.327/2013 sulle linee guida per le infrastrutture energetiche transeuropee (Regolamento TENE), il promotore del progetto PCI gasdotto Malta – Sicilia, è tenuto ad effettuare una consultazione pubblica sia a Malta che in Italia, per garantire la partecipazione del pubblico alle fasi iniziali del progetto. La Consultazione è infatti svolta nella fase che precede la stesura del progetto definitivo che verrà presentato alle Autorità competenti (Ministero dello Sviluppo Economico per l’Italia e Planning Authority per Malta) ai fini della autorizzazione alla costruzione e l’esercizio del metanodotto. Per questo motivo, il Ministero Maltese dell’Energia e della Gestione delle Acque (MEW), in qualità di Promotore di Progetto, ha pubblicato le informazioni relative al progetto e invita il pubblico a presentare eventuali commenti scritti. 2. Messa a disposizione dei dati diprogetto. Sulla pagina web del progetto al link: http://www.energywateragency.gov.mt/pci-5-19-gas-interconnectivity/ sono disponibili i dati relativi al progetto e, in particolare, i seguenti documenti, redatti ai sensi dell’articolo 9 e dell’allegato VI del regolamento TEN-E.

banner vision

Stampa articolo
Visualizzazioni articolo: 460
Attualità

di più in Attualità

La città in mano ai volontari, derattizzazione e disinfestazione al palo

Rosa Battaglia19 maggio 2018

Una passeggiata fra le sterpaglie per arrivare alla Madonna……

Liliana Blanco19 maggio 2018

L’azienda sulla mensa scolastica: “operiamo nel rispetto delle regole”

Redazione19 maggio 2018

Si aprono i termini per le istanze per l’estate niscemese

Redazione18 maggio 2018

Quadro clinico difficile per la donna aggredita dal rottweiler

Liliana Blanco18 maggio 2018

Corte dei conti: quel pasticciaccio dei conti di Gela

Redazione18 maggio 2018

Il comizio passato alla storia: solo Di Blasi ammesso come parte civile

Liliana Blanco17 maggio 2018

Frutta marcia e pizza: ecco il menù delle mense

Liliana Blanco17 maggio 2018

Beni confiscati alla mafia,al via le manifestazioni d’interesse

Redazione17 maggio 2018

Una ventata di freschezza nel panorama giornalistico locale. Una nuova avventura “web-based” voluta, creata e condotta da un team giovane e competente. Una piazza virtuale per tutti i gelesi sparsi nel mondo e non solo. Questo e molto altro nel nuovo web-magazine che racconterà Gela e il circondario attraverso notizie in tempo reale, approfondimenti e una particolare attenzione alle storie, ai personaggi e agli eventi.

iscritto al n.3/2010 del registro di stampa in data 28/05/2010 del tribunale di Gela
Direttore Responsabile: Rosa Laura Battaglia - Editore: Pubblivision P.IVA: 01991870856