Rubriche

“Amatevi gli uni gli altri come io ho amato voi”

“Amatevi gli uni gli altri come io ho amato voi”

Rubrica di ispirazione religiosa a cura di Totò Sauna

DOMENICA 6 MAGGIO
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena.
Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici. Voi siete miei amici, se fate ciò che io vi comando. Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamato amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio l’ho fatto conoscere a voi.
Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda. Questo vi comando: che vi amiate gli uni gli altri». Gv 15,9-1

Giorni fa sono andato in una libreria. Mi piace leggere. E, guardando tra gli scaffali, non so quanti libri ho trovato sulla gioia, sulla felicità. Sfogliandoli davano tanti consigli. Tanti modi di vivere. Vuoi essere felice? Allora, fai cosi, fai questo, mangia queste cose. Non so, se è una esperienza che avete fatto anche voi. Perché amici di Visione di Oggi raggiungere la Gioia, la Felicità è lo scopo principale, se non l’unico della nostra vita. Questa gioia la vediamo spesso come assenza di qualcosa . Assenza di problemi, di malattie, di sofferenza, di contrattempi, di imprevisti. Possiamo allungare i termini,  comunque di Assenze. Oppure di Avere qualcosa. Quindi, al contrario. Avere un lavoro, tanti soldi, avere tutto quello che si desidera, insomma anche in questo caso fate voi ad aggiungere. Ma in verità nell’uno e nell’altro caso, non ci sembra la retta via per raggiungere la gioia. Ho incontrato gente che stava male ed era felice. A Gela, mi ricordo Nunzio Morinello, paralizzato nelle gambe, che veniva trasportato da un parente o da un amico, era felicissimo, organizzava incontri, pellegrinaggi. Sempre in prima fila alla Messa Domenicale. Ed ho incontrato gente ricchissa dal punto di vista materiale, ma poverissima dentro, tanto da dirmi di essere infelice. Non vi sto dicendo nulla di nuovo. Quale è la vera via per raggiungere la Felicità? Quella vera. Quella che nasce dal cuore, che non è legata alle cose terrene. Ci viene in aiuto, anche questa volta il brano del vangelo di Guiovanni di questa settimana dove  Gesù  ci dice “Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena” Parla di gioia piena. Altro che le gioie effimere che viviamo. Tutto sta nello scoprire di essere amati da Dio. Tutto il vangelo conduce a questa unica, disarmante verità: siamo amati. Amati da Dio che ci ha voluti, pensati, siamo preziosi ai suoi occhi. Non è facile credere questo, lo so bene: molti, fra noi, fanno esperienza di mediocrità, di dolore, di solitudine. Il mondo ci ama solo se abbiamo qualcosa da dare, Dio ci ama non perché siamo amabili, ma perché ci ha creati. Tutta la nostra vita consiste nello scoprirci amati. E se già abbiamo scoperto di essere amati, Gesù insiste: dimorate in questo amore, restateci. Dopo avere cercato Dio, affascinati da qualche cristiano significativo, dopo avere scoperto che, in Gesù, anche noi siamo suoi figli, tutta la nostra vita diventa attesa di pienezza, manifestazione dell’amore di Dio. E possiamo dimorare solo osservando i comandamenti. Stride, questa richiesta, la parola “comandamento” ci rimanda alla regola, alla norma, al tribunale. No, perché Gesù è venuto a donare un nuovo “comandamento”: imita il Padre che ti ama e riama te stesso, gli altri, Lui. I “comandamenti”, allora, non diventano una serie di norme da osservare per meritare l’amore, ma il modo di manifestare questo amore. Quale comandamento devo osservare per dimorare in Dio? Quello di amare come Gesù ci ama. Amare come egli ci ha amato significa entrare nella logica del dono totale di sé, senza condizioni. Amore totale che redime e salva questo mondo egoista e piccino. Cercare di imitare questo amore, lasciandolo fluire in noi (non mi sforzo di imitare Gesù, mi lascio amare e il suo amore si riversa sugli altri, perciò lo frequento con assiduità) ci riempie il cuore di gioia. Non la felicità usa e getta che il mondo ci vende (sempre a caro prezzo) ma la gioia che diventa consapevolezza, come quella dei discepoli che incontrano il risorto e si convertono alla gioia. Posso anche avere una vita sfortunata e intessuta di dolore, ma la gioia permane, perché so di essere partecipe di un grande progetto d’amore che mi coinvolge. Che mi dà la forza, il coraggio di andare avanti Nonostante tutto. Agli occhi del mondo questo diventa scandalo. Ma per noi diventa testimonianza che la gioia si ha se si dice SI a Cristo. Solo amando si è figli di Dio. E noi amiamo perché amati. Un circolo di amore. Questo amore che fluisce ci fa scoprire di essere figli, non servi. Figli di Dio, a sua immagine proprio perché capaci di amare. E l’amore genera, porta frutti di redenzione e di vita eterna. Nella vita possiamo diventare dei grandi scienziati, dei genitori straordinari, delle rock-star… ma più che essere figli di Dio non saremo mai, e lo siamo già. Amare porta frutti, in noi e intorno a noi e Dio gioisce della nostra gioia. Siamo la gioia di Dio.Lasciamoci amare, dimoriamo nell’amore. Ecco il segreto della felicità. E chi amare? Quello che ci sta accanto. Quello antipatico, quello che non ci saluta, quello che ci ha sparlato. E come si fa? Amando. Ci vorrà tempo, fatica, sforzi immani. Perché dobbiamo lottare contro una cultura della società dove viviamo che ci ha insegnato “Occhio per occhio , dente per dente”. Però, Coraggio fratelli. A volte è necessario un’intera vita. A volte nemmeno quella  basta. I tempi li conosce il Signore. Ci vuole un Cammino. Lento, costante. Vicino alla Parola e alla Preghiera. I benefici sono quello di conquistare la Gioia. Quella che viene dal Signore. La gioia più bella e più vera.

Buona Domenica

Totò Sauna

Stampa articolo
Visualizzazioni articolo: 554
Rubriche

di più in Rubriche

«Se uno vuole essere il primo, sia l’ultimo di tutti e il servitore di tutti»

Redazione23 settembre 2018

“Effatà”: fa udire i sordi e fa parlare i muti!

Liliana Blanco9 settembre 2018

Sono le cose che escono dall’uomo a renderlo impuro

Redazione2 settembre 2018

“Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno …”

Redazione19 agosto 2018

Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno

Redazione12 agosto 2018

“Datevi da fare per il cibo che rimane per la vita eterna”

Redazione5 agosto 2018

“…erano come pecore che non hanno pastore…”

Redazione22 luglio 2018

Gesù chiamò a sé i Dodici : “Andate e predicate il Vangelo”

Redazione15 luglio 2018

“Un profeta non è disprezzato se non nella sua patria”

Redazione8 luglio 2018

Una ventata di freschezza nel panorama giornalistico locale. Una nuova avventura “web-based” voluta, creata e condotta da un team giovane e competente. Una piazza virtuale per tutti i gelesi sparsi nel mondo e non solo. Questo e molto altro nel nuovo web-magazine che racconterà Gela e il circondario attraverso notizie in tempo reale, approfondimenti e una particolare attenzione alle storie, ai personaggi e agli eventi.

iscritto al n.3/2010 del registro di stampa in data 28/05/2010 del tribunale di Gela
Direttore Responsabile: Rosa Laura Battaglia - Editore: Pubblivision P.IVA: 01991870856