Cultura e Società

Premio della Cultura “Salvatore Zuppardo” al poeta Sebastiano Burgaretta

Premio della Cultura “Salvatore Zuppardo” al poeta Sebastiano Burgaretta

Gela – Assegnato il Premio della Cultura “Salvatore Zuppardo” al poeta Sebastiano Burgaretta. Lo ha deciso la giuria del 18° concorso nazionale di poesia “La Gorgone d’Oro” promosso dal Centro Culturale “Salvatore Zuppardo” diretto da Andrea Cassisi.

Classe 1946, originario di Avola dove vive e insegna materie letterarie nel Liceo Classico, il prof. Burgaretta è studioso di tradizioni popolari e ha collaborato con Antonino Uccello, al quale ha dedicato alcuni scritti. Collabora tuttora con varie istituzioni accademiche e con enti museali siciliani. Spazia, con i suoi interessi culturali, tra poesia e saggistica varia in campo etnoantropologico, letterario, religioso e artistico.
Suoi saggi sono stati pubblicati nelle riviste “Otto-Novecento”, “Il Veltro”, “Il fuoco”, “Lares”, “La ricerca folklorica”, “Etnostorica”, “Il cantastorie”, “Nuove Effemeridi”, “Kalòs”, etc.

Ha pubblicato numerosi volumi, fra i quali: I fatti di Avola (1981; 1998), Api e miele in Sicilia (1982), “I nudi” di San Sebastiano ad Avola e Melilli (1983), Avola festaiola (1988), Mattia Di Martino nelle lettere inedite al Pitrè (1992), L’opera dell’uomo a Cava Grande del Cassibile (1992), Festa (1996), Sapienza del fare (1996), Retablo siciliano (1997), Di Spagna e di Sicilia (2001).

Come poeta ha dato alle stampe: Diario del Golfo (1992), L’ala del tempo (1995), Epigraffi – con lo pseudonimo di Vanesio Mercuriale – (1998), Mpizzu ri fuddìa (1999), Anàstasis (2000), Trame del Mediterraneo, con prefazione di Silvana Grasso (2003), Le‘olàm, con prefazione di Franco Loi (2004) Rrèpitu per il due dicembre (2008), Sovente all’anima, con prefazione di Juan Miguel Domínguez Prieto (2008) e Sequentia di palmiere (2010) pubblicato col titolo Sequencia de un peregrino pubblicato in Spagna l’anno successivo.

È presente con suoi versi in alcune riviste, come Arenaria e Sharad, e in antologie poetiche, tra le quali Lingua lippusa, curata da Corrado Di Pietro per Venìlia Editrice nel 1992, e Inchiostri, edito da Salarchi Immagini (2000).
Ha vinto, fra gli altri, i premi Vann’Antò e il premio speciale Leonforte, quest’ultimo “per aver contribuito, con la sua opera, attività culturale e impegno, alla lotta per il rinnovamento di una Sicilia alternativa”.

In passato il premio della Cultura è stato assegnato a Mons. Pio Vigo, arcivescovo di Acireale; mons. Francesco Miccichè, vescovo di Trapani; mons. Giuseppe Liberto, M° Cappella Sistina della Città del Vaticano; al Prof. Nino Piccione di Roma; alla studiosa catenese Sarah Zappulla Muscarà; al prof. Roberto Tufano dell’Università di Catania; a mons. Antonio Staglianò, vescovo di Noto; ad Alba Donat, presidente del Gabinetto Vissieux di Firenze e allo studioso Bernardo Panzeca di Palermo.

 

Il prof. Burgaretta riceverà il prestigioso riconoscimento, sabato 23 giugno, a Gela presso il teatro Antidoto, in occasione della consegna dei premi del 18° concorso “La Gorgone d’Oro”.

Stampa articolo
Visualizzazioni articolo: 465
Cultura e Società

di più in Cultura e Società

Visite senologiche gratuite al Poliambulatorio “F. Bennici” di Piazza Sant’Agostino

Liliana Blanco10 dicembre 2018

Un laboratorio di sartoria con i doni dell’Inner Wheel

Liliana Blanco10 dicembre 2018

Il RotarAct visita le case di accoglienza per anziani

Liliana Blanco10 dicembre 2018

Varati i bandi-tipo per i servizi di architettura ed ingegneria

Redazione10 dicembre 2018

Tusa: il perchè dello spostamento delle opere di Antonello da Messina

Redazione9 dicembre 2018

Frà Galdino, sessant’anni di vita religiosa celebrati dal Vescovo

Rosa Battaglia8 dicembre 2018

L’Immacolata concezione

Redazione8 dicembre 2018

Nuova stagione concertistica

Redazione8 dicembre 2018

Conferenza dell’associazione Trinakria

Liliana Blanco7 dicembre 2018