Politica

Giallo nell’elezione di un vice presidente del Consiglio comunale

Giallo nell’elezione di un vice presidente del Consiglio comunale

Campofranco – Giallo nell’elezione del vice presidente del Consiglio comunale di Campofranco. Dopo le dimissioni della consigliera Rossella Borrelli si è proceduto alla nuova nomina. Ma il Movimento Cinque Stelle che aveva proposto la consigliera di minoranza Elisabetta Mazzara, prima degli eletti, con 236 preferenze, a ricoprire la carica non ce l’ha fatta. “Ancora una volta abbiamo potuto appurare quanta voglia di collaborazione e quanto rispetto della minoranza ci sia da parte dell’amministrazione di Campofranco”, dice amareggiato il capogruppo pentastellato Enrico Lipari. “Come all’inizio di questo mandato ci siamo ritrovati in aula per votare. In continuità con la nostra politica e nella speranza di poter intavolare un diverso rapporto con la maggioranza, avevamo proposto la Mazzara”, prosegue. “Ma ecco che succede l’assurdo: alla nostra proposta ci è stato risposto che ‘la votazione è segreta, vediamo cosa succede’, facendo presagire la mancanza di condivisione. Al momento del voto però qualcosa non va – racconta Lipari -. C’è una scheda bianca che fa saltare la maggioranza semplice. A quel punto il Presidente del Consiglio, dopo una lunga discussione con la segretaria e la maggioranza, decide di far rivotare (scelta mai avvenuta prima d’ora). Ed è così che quella scheda bianca si è trasformata ‘magicamente’ nel voto a favore del consigliere Paolino Pera, diventando, di fatto, il nuovo vice presidente del consiglio comunale”.

“Alla faccia della collaborazione, dell’atteggiamento costruttivo e del dialogo”, tuona Lipari. “Ancora una volta si è andati contro ogni scelta di buon senso che vede assegnare la vice presidenza a tutti i livelli politici, dal consiglio comunale al Parlamento, alle minoranze. Ma non a Campofranco. A Campofranco vige la legge dell’asso piglia tutto, senza riflettere che quando si prende tutto si rischia di perdere tutto!”.

 

Per il capogruppo grillino “sarebbe stato più onesto intellettualmente dire che ‘noi siamo la maggioranza, noi abbiamo il potere, noi decidiamo e non abbiamo alcun rispetto per la minoranza!’, invece di assistere all’ennesimo e indecoroso spettacolo politico”. Il Movimento Cinque Stelle locale si dice “rammaricato di questo ennesimo atto e di questa presa di posizione che non fa altro che allontanare le forze politiche presenti sul territorio”. “Non possiamo far altro che esternare il nostro completo dissenso e denunciare questa ignobile politica che somiglia molto più ad un’autarchia che ad una democrazia”, conclude Lipari.

Stampa articolo
Visualizzazioni articolo: 647
Politica

di più in Politica

Elezioni: al lavoro per le liste

Liliana Blanco19 Marzo 2019

La corsa alle firme dei Movimenti civici

Liliana Blanco19 Marzo 2019

Udc, in programma incontro “100 Giovani X la Sicilia”

Redazione19 Marzo 2019

Alario si dimette dal Partito Democratico

Liliana Blanco18 Marzo 2019

Bagno di folla per Maurizio Melfa alla prima convention

Redazione17 Marzo 2019

“Stupisce l’idea di contrapporre i diritti e le libertà individuali, ai diritti della famiglia tradizionale”

Redazione17 Marzo 2019

Nonostante l’isolamento Farruggia sostiene Spata nella Lega sicilia

Redazione16 Marzo 2019

PdF: apertura verso Greco sub iudice

Redazione16 Marzo 2019

Il congresso Pd sceglie Di Dio per la carica di segretario

Redazione16 Marzo 2019