Politica

Giallo nell’elezione di un vice presidente del Consiglio comunale

Giallo nell’elezione di un vice presidente del Consiglio comunale

Campofranco – Giallo nell’elezione del vice presidente del Consiglio comunale di Campofranco. Dopo le dimissioni della consigliera Rossella Borrelli si è proceduto alla nuova nomina. Ma il Movimento Cinque Stelle che aveva proposto la consigliera di minoranza Elisabetta Mazzara, prima degli eletti, con 236 preferenze, a ricoprire la carica non ce l’ha fatta. “Ancora una volta abbiamo potuto appurare quanta voglia di collaborazione e quanto rispetto della minoranza ci sia da parte dell’amministrazione di Campofranco”, dice amareggiato il capogruppo pentastellato Enrico Lipari. “Come all’inizio di questo mandato ci siamo ritrovati in aula per votare. In continuità con la nostra politica e nella speranza di poter intavolare un diverso rapporto con la maggioranza, avevamo proposto la Mazzara”, prosegue. “Ma ecco che succede l’assurdo: alla nostra proposta ci è stato risposto che ‘la votazione è segreta, vediamo cosa succede’, facendo presagire la mancanza di condivisione. Al momento del voto però qualcosa non va – racconta Lipari -. C’è una scheda bianca che fa saltare la maggioranza semplice. A quel punto il Presidente del Consiglio, dopo una lunga discussione con la segretaria e la maggioranza, decide di far rivotare (scelta mai avvenuta prima d’ora). Ed è così che quella scheda bianca si è trasformata ‘magicamente’ nel voto a favore del consigliere Paolino Pera, diventando, di fatto, il nuovo vice presidente del consiglio comunale”.

“Alla faccia della collaborazione, dell’atteggiamento costruttivo e del dialogo”, tuona Lipari. “Ancora una volta si è andati contro ogni scelta di buon senso che vede assegnare la vice presidenza a tutti i livelli politici, dal consiglio comunale al Parlamento, alle minoranze. Ma non a Campofranco. A Campofranco vige la legge dell’asso piglia tutto, senza riflettere che quando si prende tutto si rischia di perdere tutto!”.

 

Per il capogruppo grillino “sarebbe stato più onesto intellettualmente dire che ‘noi siamo la maggioranza, noi abbiamo il potere, noi decidiamo e non abbiamo alcun rispetto per la minoranza!’, invece di assistere all’ennesimo e indecoroso spettacolo politico”. Il Movimento Cinque Stelle locale si dice “rammaricato di questo ennesimo atto e di questa presa di posizione che non fa altro che allontanare le forze politiche presenti sul territorio”. “Non possiamo far altro che esternare il nostro completo dissenso e denunciare questa ignobile politica che somiglia molto più ad un’autarchia che ad una democrazia”, conclude Lipari.

Stampa articolo
Visualizzazioni articolo: 586
Politica

di più in Politica

La Lega nissena a Roma per accogliere Salvini

Redazione8 dicembre 2018

Riunione a porte chiuse del centrodestra

Liliana Blanco7 dicembre 2018

Centrodestra compatto si riunisce domani per pianificare l’alleanza

Liliana Blanco6 dicembre 2018

Nicolò Di Stefano consigliere nazionale all’Assemblea della Federazione dei Verdi

Liliana Blanco6 dicembre 2018

L’opposizione dell’on. Bartolozzi alla manovra finanziaria

Redazione6 dicembre 2018

La commissione nazionale sospende i congressi del Pd, ma il congresso regionale si farà

Liliana Blanco1 dicembre 2018

Diventerà bellissima strappa una promessa all’assessore regionale

Liliana Blanco1 dicembre 2018

Il coordinamento provinciale di Caltanissetta non ci sta alle decisioni del Pd

Redazione1 dicembre 2018

Il Piano di gestione rete natura per lo sviluppo

Liliana Blanco1 dicembre 2018