Visione di Sicilia

La chiesa Madre S. Maria di Loreto” di Delia restaurata

La chiesa Madre S. Maria di Loreto” di Delia restaurata

Delia – <<La chiesa Madre S. Maria di Loreto” di Delia, un bene storico e architettonico di centrale importanza per il nostro paese, verrà finalmente restituita in tutto il suo splendore all’intera comunità e al culto dei fedeli>>.

Sono le parole del sindaco Gianfilippo Bancheri, che annuncia con orgoglio l’inizio imminente dei lavori. Firmato ieri il contratto per i lavori di recupero architettonico e la ristrutturazione dell’importante edificio.

A sottoscriverlo, alla presenza del segretario comunale Fulvio Fontana, l’arch. Calogero La Verde, nella qualità di R.U.P. (Responsabile unico del procedimento) e Alessandro Vita, rappresentante legale della Società Cooperativa Itria di Favara, aggiudicataria della gara di affidamento dei lavori,

<<Abbiamo atteso 70 anni – dice il primo cittadino. Ora finalmente siamo prossimi al traguardo tanto atteso dalla comunità>>.

Per il sindaco Gianfilippo Bancheri la realizzazione del progetto <<mira non solo al recupero architettonico della chiesa ma anche alla sua valorizzazione sotto il profilo sociale, religioso e culturale. Darà un contributo per rendere meglio visibile e fruibile parte dell’identità e della storia del nostro paese>>.

Il progetto è stato finanziato con le risorse del Fondo di Sviluppo e Coesione 2014 – 2020 per gli interventi sui Beni Culturali Storico – Artistici di Culto”.

I lavori avranno una durata di sette mesi. L’inizio è previsto il prossimo 20 agosto.

Molteplici gli interventi che verranno effettuati sull’edificio. Prevista l’eliminazione delle infiltrazioni di acqua della copertura mediante la sostituzione dell’attuale terrazza e la realizzazione di una falda col manto in tegole di coppo siciliano. L’eliminazione delle infiltrazioni di umidità e sigillatura delle lesioni nelle murature dei prospetti. La pulizia delle maioliche del campanile e sostituzione di quelle danneggiate al restauro degli intonaci degli elementi decorativi. Previsto, tra le altre cose, lo spostamento all’interno delle campane dell’orologio, il restauro degli stucchi e rifacimento degli intonaci interni, la riconciatura delle murature esistenti, il rifacimento dei prospetti e della cupola con tiranti. Sarà realizzato inoltre il portone di ingresso del lato sinistro, il restauro del portone principale e la manutenzione degli infissi. Ed anche le trabeazioni nel prospetto principale, il ripristino di via Trento nelle forme e caratteristiche architettoniche della navata laterale e l’abbattimento delle barriere architettoniche.

Stampa articolo
Visualizzazioni articolo: 530
Visione di Sicilia

di più in Visione di Sicilia

Incanto e magìa del colore: vernissage a Noto

Redazione14 Maggio 2019

Percorso culturale nella valle dei templi

Redazione3 Maggio 2019

Premio Barocco 2019 a Ragusa Ibla: ci sono i gelesi Lo Curto e Ventura

Redazione2 Maggio 2019

La posa d’inciampo, per ricordare Liborio Baldanza

Redazione8 Aprile 2019

Festa di San Giuseppe a Pianezza, nel torinese

Redazione26 Marzo 2019

“I miei colori per la Sicilia” : mostra di Francesco Toraldo

Redazione15 Marzo 2019

Successi per la compagnia teatrale “Gruppo famiglie”

Redazione7 Gennaio 2019

I cuochi della Grecia vincono la prima edizione del Fi Land Feas

Redazione31 Ottobre 2018

Prima Comiso per la città ed il suo futuro

Redazione26 Ottobre 2018