Rubriche

“Effatà”: fa udire i sordi e fa parlare i muti!

“Effatà”: fa udire i sordi e fa parlare i muti!
banner vision

Rubrica di ispirazione religiosa a cura di Totò Sauna

 

Mc 7,31-37

In quel tempo, Gesù, uscito dalla regione di Tiro, passando per Sidòne, venne verso il mare di Galilea in pieno territorio della Decàpoli.
Gli portarono un sordomuto e lo pregarono di imporgli la mano. Lo prese in disparte, lontano dalla folla, gli pose le dita negli orecchi e con la saliva gli toccò la lingua; guardando quindi verso il cielo, emise un sospiro e gli disse: «Effatà», cioè: «Apriti!». E subito gli si aprirono gli orecchi, si sciolse il nodo della sua lingua e parlava correttamente.
E comandò loro di non dirlo a nessuno. Ma più egli lo proibiva, più essi lo proclamavano e, pieni di stupore, dicevano: «Ha fatto bene ogni cosa: fa udire i sordi e fa parlare i muti!».

 

Gesù ci apre gli occhi e le orecchie. Ci fa vedere e sentire. Eravamo ciechi e sordi. Camminavano nel buio e nel silenzio assordante. Come zombie, come automi, come marionette le cui le fila della nostra vita vengono tirate da altri. Poi, Cristo ci chiama. Non so quando, non so come. In un momento particolare della mia e della vostra vita. Ogni chiamata è personale. Non chiama una comunità o un gruppo o una squadra. Chiama in maniera personale. Chiama Totò, Giuseppe, Maria. Fino ad allora eravamo sordi, confusi. Non dal punto di vista fisico ma spirituale. Ascoltavamo le sirene del mondo.  Suadenti. Ingannevoli. Che ci vendono a poco prezzo la felicità. Sconti speciali. Due al prezzo di uno. Ma arriva Gesù e cambia tutto. Incontra un sordomuto.  Essere sordi, nella Bibbia, significa non accogliere il messaggio di salvezza di Dio. Assomiglia molto a noi, quando siamo nel peccato, quando siamo attratti dal mondo, quando restiamo lontani dalla Parola, quando ci piace rimanere nel frastuono, nella confusione, quando non abbiamo voglia e ci facciamo vincere dalla noia, dal pessimismo, dalla depressione, quando litighiamo con la moglie, quando non perdoniamo. Travolti dalle mille cose da fare, attorniati da rumori, da chiacchiere, da opinioni, fatichiamo ad ascoltare il desiderio profondo di senso che portiamo nel cuore, fatichiamo a cercare Dio. Basta farsi un giro sui social in cui tutti esprimono opinioni rabbiose, offensive, trancianti. Il confronto sulle idee si è trasformato in un clima di rissa continua, sostituendo alla fermezza una cattiveria rabbiosa. Siamo sordi. Non sappiamo più comunicare. Immagine dell’uomo contemporaneo, solo e narcisista, smarrito e alla ricerca di una qualche visibilità, tutto incentrato nella propria  realizzazione. L’insoddisfazione è la caratteristica principale dell’uomo post-moderno. E la nostra. La mia.  Invece, possiamo avere accanto Dio, che ci sussurra le parole  più dolci e imperiose, che possiamo ascoltare. Possiamo averlo accanto a noi che ci accarezza,  ci sostiene. Ma non lo sentiamo. Distratti. Egocentrici. Io posso fare tutto. Non ho bisogno di Dio. Possiamo avere vicino le persone più acute e più buone, che desiderano aiutarci. Non prestiamo attenzione, non li ascoltiamo. E’ come se fossimo soli al mondo, chiusi nel nostro egoismo, nel nostro mondo fatto da piccole cose.  Ma  Cristo ci raggiunge, ci cerca, ci chiama attraverso  la Chiesa che battezza o ci offre il perdono a nome del Signore Gesù. Attraverso i sacramenti. Basta aprire il cuore a Dio. Chiedere il suo aiuto. Allora avviene nuovamente il “ miracolo”. Diventiamo capaci, per grazia, di udire le consolazioni e i suggerimenti e gli imperativi di Dio. Diventiamo capaci di rispondergli con la preghiera e la vita. E il prossimo è colui che deve essere ascoltato e confortato. Nasce la fraternità. Se ci lasciamo salvare dal Signore. Se aderiamo a Lui con tutte le forze. Sospira, il Signore, vedendo l’opera del male che agisce nella vita dell’uomo. Sospira davanti ad ogni ammalato. Non è contento nel vedere quanto male può fare il male, quanto dolore suscita il dolore. E agisce, con discrezione, toccando, accarezzando, sfiorando. No, non abbiamo risposte ai grandi interrogativi sul male e la morte, nemmeno noi discepoli. Ma abbiamo un Dio che si è sporcato le mani, che ha condiviso davvero, sul serio, ogni sofferenza, ogni dolore, ogni abbandono. Sospira e salva, lenisce, guarisce. Non come un improbabile guru, ma come il Messia che avanza, facendo arretrare le tenebre. Gesù non ha guarito tutti i sordi e sciolto la lingua di tutti i muti e i segni che ha compiuto ha voluto che fossero al servizio del Regno e nulla di più. Portiamo i nostri ammalati al Signore, perché imponga loro le mani e dia loro conforto e consolazione. Mettiamoci, quindi in ascolto. Nel silenzio e nella preghiera.

Buona Domenica

Totò Sauna

Stampa articolo
Visualizzazioni articolo: 1.181
Rubriche

di più in Rubriche

“Giovani traditi dall’ondata di nazionalismo”

Redazione15 Aprile 2019

“..Crocifiggilo, crocifiggilo!”

Redazione14 Aprile 2019

La donna sorpresa in adulterio

Redazione7 Aprile 2019

“.. questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”

Redazione31 Marzo 2019

“Se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo”

Redazione24 Marzo 2019

«Questi è il Figlio mio, l’eletto; ascoltatelo!»

Redazione17 Marzo 2019

“Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”

Redazione10 Marzo 2019

Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello e non ti accorgi della trave che è nel tuo occhio?

Redazione3 Marzo 2019

Amate invece i vostri nemici, fate del bene e prestate senza sperarne nulla

Redazione24 Febbraio 2019