Rubriche

… “se il tuo occhio ti dà scandalo, cavalo…”

… “se il tuo occhio ti dà scandalo, cavalo…”

Rubrica di ispirazione religiosa a cura di Toto’ Sauna

In quel tempo, Giovanni disse a Gesù: «Maestro, abbiamo visto uno che scacciava demòni nel tuo nome e volevamo impedirglielo, perché non ci seguiva». Ma Gesù disse: «Non glielo impedite, perché non c’è nessuno che faccia un miracolo nel mio nome e subito possa parlare male di me: chi non è contro di noi è per noi. Chiunque infatti vi darà da bere un bicchiere d’acqua nel mio nome perché siete di Cristo, in verità io vi dico, non perderà la sua ricompensa. Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli che credono in me, è molto meglio per lui che gli venga messa al collo una macina da mulino e sia gettato nel mare. Se la tua mano ti è motivo di scandalo, tagliala: è meglio per te entrare nella vita con una mano sola, anziché con le due mani andare nella Geènna, nel fuoco inestinguibile. E se il tuo piede ti è motivo di scandalo, taglialo: è meglio per te entrare nella vita con un piede solo, anziché con i due piedi essere gettato nella Geènna. E se il tuo occhio ti è motivo di scandalo, gettalo via: è meglio per te entrare nel regno di Dio con un occhio solo, anziché con due occhi essere gettato nella Geènna, dove il loro verme non muore e il fuoco non si estingue». Mc 9,38-40

 

Gesù Cristo non appartiene ad alcuna persona, o movimento o partito politico. La dicitura “Dio è con noi” è falsa. Questo deve essere scritto a caratteri cubitali. Sempre. Dio appartiene a chi apre il proprio cuore e segue la sua Parola. Non ha tessera di partito politico o di supermercato, non fa la raccolta dei Rosari o delle processioni. Dio può essere vicino a noi sempre, anche all’ultimo secondo della nostra vita. Abbiamo trascorso una vita dissennata, abbiamo ascoltato tutte le sirene del mondo, non siamo mai entrati in una chiesa. Ebbene se all’ultimo secondo della nostra vita  apriamo il cuore a Gesù. E gli parliamo “ Gesù abbi pietà di me, lo sai non ho ascoltato la tua parola, ma ora ti sento vicino, sei con me aiutami in questo momento ,conducimi davanti ai tuoi occhi. “ quell’uomo è salvo. Tutti possiamo fare miracoli. Tutti. Il miracolo più grande più maestoso e più incredibile è cambiare il nostro cuore. Impresa difficile. Che richiede tanto impegno e tanta costanza. Coraggio, lettori miei, non abbiamo paura. Stiamo tranquilli. Gesù Cristo ci attende ed è pronto al perdono e ci vuole bene di un amore incommensurabile. Abbiamo il coraggio di cambiare e faremo grandi miracoli.  E’ chiaro con gli apostoli. Sentite cari, voi siete bravi, mi avete ascoltato, mi avete seguito ma chi ascolta la mia Parola è capace di tutto, non solo voi. Per favore evitiamo di dare patenti di cattolicità, di cristianesimo. Un rischio che vedo in maniera frequente nelle nostre parrocchie. Finiamola. Non siamo noi che diciamo che il fratello è degno o non è degno. Alcuni partiti politici, nell’ultima campagna elettorale, si ergevano a  rappresentanti unici della cattolicità Non è cosi. I cattolici sono liberi di scegliere qualunque partito, certo tenendo conto dei valori che quei partiti portano avanti. Per favore niente patenti. Cristo ci chiama ad uno per uno ed è chiaro, ci vuole tutti per se. Non ci vuole dividere con altri idoli, non ci vuole dividere con altri. Quindi ci ripete che la cosa più importante per noi è entrare nella Vita eterna, ascoltare la sua parola. Se noi abbiamo chiaro questo, abbiamo raggiunto il vero della senso della vita.  Una volta capito questo,  tutta la nostra vita deve proseguire per  quella strada. E avremo la felicità, la gioia, la serenità. Facile. Magari. No , non è semplice. In questa strada troveremo ostacoli, di ogni sorta. L’ostacolo più grande siamo noi. Sono le nostre passioni, i nostri desideri, il nostro orgoglio, il nostro io. Il nostro cuore è un terreno di battaglia tra cosa fare per continuare il viaggio e cosa ci piace fare, ma ci allontana dalla strada. Una lotta che non conosce sosta . Gesù interviene a gamba tesa, utilizzo un termine calcistico, interviene in maniera chiara e decisa, andiamo a leggere e a meditare la seconda parte  del vangelo  di oggi. Non ci  sono sottintesi. Il Vangelo si legge cosi come è scritto. Non è una metafora. Lettori non si scherza. Ci giochiamo la vita eterna. Eterna. No, trenta o sessant’anni. Eterna. Ci crediamo? Siamo disposti a tagliarci un braccio, un occhio o che ne so io? Siamo disposti a dire Si a Cristo ?   Il nostro e’ un Dio geloso . Ci vuole tutti e tutto per se. Per Amore. Per salvarci. Nonostante, i nostri tentennamenti, indecisioni, le nostre scuse puerili, oggi Dio ci ama. Oggi e sempre. Coraggio, fratelli iniziamo a tagliare quel braccino che non vuole entrare in tasca per aiutare il povero, tagliamo quell’occhio che ci porta sempre dove non deve andare. Coraggio. Forza. Ci giochiamo la Vita Eterna.

Buona domenica

Toto’ Sauna

Stampa articolo
banner vision
Visualizzazioni articolo: 981
Rubriche

di più in Rubriche

“..vendi quello che hai e dallo ai poveri, e avrai un tesoro in cielo; e vieni! Seguimi!”

Redazione14 ottobre 2018

“L’uomo non divida quello che Dio ha congiunto..”

Redazione7 ottobre 2018

«Se uno vuole essere il primo, sia l’ultimo di tutti e il servitore di tutti»

Redazione23 settembre 2018

“Effatà”: fa udire i sordi e fa parlare i muti!

Liliana Blanco9 settembre 2018

Sono le cose che escono dall’uomo a renderlo impuro

Redazione2 settembre 2018

“Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno …”

Redazione19 agosto 2018

Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno

Redazione12 agosto 2018

“Datevi da fare per il cibo che rimane per la vita eterna”

Redazione5 agosto 2018

“…erano come pecore che non hanno pastore…”

Redazione22 luglio 2018