Attualità

Le denunce della Lega sulla sanità del nisseno

Le denunce della Lega sulla sanità del nisseno

Caltanissetta – La Lega-Salvini Premier inaugura  la stagione di pubbliche denunce che non si finirà, fino a quando l’Ospedale Sant’Elia non ritornerà ad avere la piena efficienza.

“Siamo davvero stanchi e preoccupati di ascoltare il grido di dolore di pazienti e di operatori sanitari – dice il deputato Alessandro Pagano –  Tra le situazioni più gravi, e non è l’unica, insiste certamente il reparto di Cardiologia ed UTIC.

Da circa 2-3 mesi, come già più volte segnalato dai sindacati di categoria e dai sanitari, la Cardiologia di Caltanissetta versa in condizioni di grande difficoltà per la gravissima carenza di personale medico ed infermieristico. Con il trascorrere del tempo la situazione è andata progressivamente peggiorando, tuttavia l’attività del reparto e la gestione di tutte le emergenze cardiologiche non sono state mai ridimensionate grazie allo spirito di sacrificio del personale tutto. Purtroppo dalla metà di ottobre i turni del reparto di Cardiologia sono retti solo da 3 dirigenti medici con turni di 24 ore su 24, essendo altre 3 unità  temporaneamente assenti per problematiche familiari e di salute comprensibilmente legate a questo stress lavorativo.

Orbene, con tutta l’abnegazione possibile e immaginabile, 3 dirigenti medici non possono materialmente sostenere tutta l’attività di emergenza di un  hub cardiologico e UTIC importante per numeri e qualità come quello dell’ospedale Sant’Elia.

L’Amministrazione ASP di Caltanissetta con una delibera del 28 ottobre us, ha bandito la mobilità di altre 3 unità per l’UO di Cardiologia, ma prima che questi  cardiologi, che comunque non sono lo stesso sufficienti, potranno entrare in servizio passeranno settimane, forse mesi.  E non bisogna essere esperti di sanità per capire che se non verranno tempestivamente messe in atto urgenti e concrete contromisure, soprattutto in materia di assunzioni di medici e personale sanitario, vi è il serio rischio che non sarà più possibile gestire in maniera continuativa le emergenze cardiologiche.  Dobbiamo per forza aspettare che succeda un dramma con conseguente co-responsabilizzazione di tutti coloro che sono rimasti inerti?

Per dare un’idea a chi legge, basta ricordare che gli analoghi reparti di cardiologia di Agrigento e di Enna, che fra l’altro sono spoke di Caltanissetta, hanno in turno ben 11/12 medici.  E siccome piove sul bagnato, faccio presente in questa pubblica denuncia che il posto di Primario è vacante e anche lo spoke dell’ospedale Umberto I di Gela è sotto organico avendo soltanto 5 dirigenti medici”.

Stampa articolo
Visualizzazioni articolo: 552
Attualità

di più in Attualità

Il cimitero in stato di degrado: denuncia del Pd

Redazione20 Giugno 2019

Lutto cittadino per Tiziana Nicastro

Redazione20 Giugno 2019

La Confederazione animalista lancia il grido d’allarme all’assesore regionale

Redazione20 Giugno 2019

Il messaggio di solidarietà del sindaco e dell’Aiaf all’avvocato aggredito

Redazione19 Giugno 2019

In migliaia a Reggio Calabria da tutti i Comuni della provincia di Caltanissetta

Redazione19 Giugno 2019

Famà (Federdistat-Cisal-ANPPE): “importante coinvolgere la Prefettura sul fenomeno incendi

Redazione19 Giugno 2019

Iudici sul randagismo: “un problema più grande di quanto si pensi”

Liliana Blanco19 Giugno 2019

Il Nursind chiede all’Asp l’erogazione delle competenze

Redazione19 Giugno 2019

Inadempienze nel Servizio Idrico in provincia di Caltanissetta: esposto alla Procura

Redazione19 Giugno 2019