Politica

I ‘rumors’ sui possibili candidati a sindaco

I ‘rumors’ sui possibili candidati a sindaco

Gela – Chiuso il capitolo Messinese con il pronunciamento del Tar, si guarda avanti. Certo l’ex sindaco potrebbe continuare la sua battaglia con il ricorso al Cga, ma dopo la decisione del tribunale siciliano che ha compensato le spese, perdere al secondo grado di giudizio potrebbe essere oneroso per il sindaco sfiduciato. Al momento c’è via libera alle possibili elezioni di maggio, al massimo giugno e i partiti cominciano a ‘parlare’. Nonostante le difficoltà, nonostante l’esempio a dir poco scoraggiante dell’ultima amministrazione tutti vogliono fare il sindaco e cominciano a circolare i primi nomi. Primi si fa per dire, perché la lista è lunga e sono primi si, ma solo in senso temporale. Al momento si tratta solo di rumors, ma provengono dagli ambienti politici che si guardano intorno e individuano i candidati possibili. Alcuni invece si incoronano da soli e cercano i partiti o le coalizioni di riferimento. Ma i giochi sono assolutamente da definire e i possibili candidati di cui si parla in questi giorni del dopo- ricorso, sono solo indicativi e le scremature reali si conosceranno solo da febbraio in poi. Cominciamo con le donne: circolano molti nomi, sempre tutti da confermare. In casa Movimento cinque stelle la palla passa da Ketty Damante, ex assessore della prima giunta Messinese a Paola Pietradura compagna di Giuseppe Lo Monaco. Candidata di ‘Diventerà bellissima’ potrebbe essere la delfina di Musumeci, Anna Comandatore e per il Partito democratico si posa l’occhio sull’ex presidente dell’ultimo consiglio comunale Alessandra Ascia. Filippo Franzone che da anni si batte per la provincia di Gela, esce allo scoperto: è già candidato da tempo probabilmente con una lista civica ed ha il suo gruppo di supporto che si palesa sui social. Per Liberi ed uguali si fa il nome dell’avv. Francesco Castellana, collaboratore di Crocetta durante il suo mandato di Presidente. Forza Italia divisa in due avrebbe Massimo Catalano in quota Mancuso, mentre Pino Federico avrebbe scelto Fortunato Ferracane già assessore della giunta Fasulo. Ma si sta lavorando per tentare di mettere d’accordo le due anime del partito di Berlusconi. Tornerebbe sulla scena Lucio Greco che alle scorse amministrative è arrivato ad un passo dal ballottaggio. Vincenzo Cirignotta di ‘Noi con l’Italia’, uno dei promotori della sfiducia, potrebbe scendere in campo con una coalizione di centrodestra. La Lega partito di Governo presenterà un suo candidato che sceglierà l’on. Candiani a suo tempo. Movimenta, il partito fondato dal notaio Bartoli avrebbe un suo candidato e si fa il nome di Emanuele Maganuco. Terenziano Di Stefano con la Buona idea sarebbe un altro candidato che però potrebbe sparire dalla scena prima del momento del deposito delle liste per allinearsi ad una coalizione. Maurizio Melfa assessore nella giunta Messinese ter, potrebbe essere un altro candidato, come anche Ignazio Giudice sindacalista. Maurizio Scicolone che aveva mostrato interesse ad entrare nell’agone, di recente ha fatto un passo indietro. Poi c’è l’ex vicesindaco che avrebbe di certo proposto la sua candidatura ma che, dopo la sfiducia, non si pronuncia ma si pensa stilerà una lista con il suo piccolo gruppo.

Naturalmente molti di questi nomi non troveranno spazio, i giochi sono lontani dall’essere definiti.

Stampa articolo
Visualizzazioni articolo: 2.491
Politica

di più in Politica

La Lega nissena a Roma per accogliere Salvini

Redazione8 dicembre 2018

Riunione a porte chiuse del centrodestra

Liliana Blanco7 dicembre 2018

Centrodestra compatto si riunisce domani per pianificare l’alleanza

Liliana Blanco6 dicembre 2018

Nicolò Di Stefano consigliere nazionale all’Assemblea della Federazione dei Verdi

Liliana Blanco6 dicembre 2018

L’opposizione dell’on. Bartolozzi alla manovra finanziaria

Redazione6 dicembre 2018

La commissione nazionale sospende i congressi del Pd, ma il congresso regionale si farà

Liliana Blanco1 dicembre 2018

Diventerà bellissima strappa una promessa all’assessore regionale

Liliana Blanco1 dicembre 2018

Il coordinamento provinciale di Caltanissetta non ci sta alle decisioni del Pd

Redazione1 dicembre 2018

Il Piano di gestione rete natura per lo sviluppo

Liliana Blanco1 dicembre 2018