Politica

800 mila euro per la chiesa San Sebastiano

800 mila euro per la chiesa San Sebastiano

Gela – Ottocemila euro per la parrocchia San Sebastiano: l’Assessorato Regionale Infrastrutture e Viabilità   ha ammesso a finanziamento il progetto esecutivo relativo ai lavori di realizzazione del salone parrocchiale destinato alle attività aggregative, culturali e ricreative per il recupero dei giovani, per favorire l’integrazione sociale e la loro emarginalità. Il finanziamento interessa la parrocchia San Sebastiano di Settefarine la somma destinata è pari ad €. 799.000,00 in base al decreto regionale numero 003836 del 13.12 2018. La chiesa eretta da 15 anni, dopo  decenni di disagi, è stata affidata al compianto parroco Franco Cavallo, poi a don Filippo Salerno ed oggi è diretta dal parroco don Giorgio Cilindrello e serve un quartiere molto popoloso: mancava di strutture di contorno indispensabili per le attività parrocchiali che adesso potranno essere realizzate.

“Senza voler in nessun modo meriti su tale risultato – ha detto l’ex consigliere comunale Salvatore Sammito – ho ritenuto doveroso informare gli abitanti del quartiere di  Settefarine e i loro giovani che utilizzeranno lo spazio a loro dedicato e la città che la politica seria si fa con i risultati e con l’impegno costante facendo da pungolo nelle sedi opportune”.

 

Ecco il D.D.G. n. 3836
REPUBBLICA ITALIANA
Regione Siciliana
Assessorato delle Infrastrutture e della Mobilità Dipartimento delle Infrastrutture, della Mobilità e dei Trasporti Servizio 7 – Politiche Urbane e Abitative

 

IL DIRIGENTE GENERALE
il Decreto del Presidente della Regione Siciliana 28 febbraio 1979, n. 70, che approva il Testo Unico delle leggi sull’ordinamento del Governo e dell’Amministrazione della Regione Siciliana;
la legge regionale 15 maggio 2000, n.10;
la legge regionale 16 dicembre 2008, n. 19 recante le “Norme per la riorganizzazione dei Dipartimenti regionali. Ordinamento del Governo e dell’Amministrazione della Regione”;
la legge regionale del 7 maggio 2015, n. 9, ed in particolare l’art. 49, comma 1, con il quale si dispone una rimodulazione organizzativa dei Dipartimenti regionali;
il Decreto del Presidente della Regione Siciliana 14 giugno 2016, n. 12 recante il “Regolamento di attuazione del Titolo II della Legge Regionale del 16 dicembre 2008, n. 19, Rimodulazione degli assetti organizzativi dei Dipartimenti regionali di cui all’art. 49, comma 1, della Legge Regionale del 7 maggio 2015, n. 9. Modifiche del Decreto del Presidente della Regione Siciliana 18 gennaio 2013, n. 6 e successive modifiche ed integrazioni;
la legge regionale 8 luglio 1977, n. 47 e successive modifiche ed integrazioni, riguardante “Norme in materia di bilancio e contabilità della Regione Siciliana”;
il decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 e successive modifiche ed integrazioni, recante “Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni e degli Enti locali”;
l’articolo 11 della legge regionale 13 gennaio 2015, n. 3 secondo il quale, a decorrere dal 1 gennaio 2015, la Regione Siciliana, applica le disposizioni del sopra citato decreto legislativo n. 118/2011, e successive modifiche ed integrazioni, secondo quanto previsto dallo stesso articolo 11;
l’articolo 2 della legge regionale n. 32/2015 con il quale viene stabilito che “In applicazione di quanto previsto dall’articolo 79 del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 e successive modifiche ed integrazioni e fino all’emanazione delle norme di attuazione dello Statuto regionale richiamate dall’articolo 11, comma 1, della legge regionale 13 gennaio 2015, n. 3, continuano ad applicarsi all’Amministrazione regionale le disposizioni di cui all’articolo 11, commi 7, 8 e 13, della medesima legge regionale n. 32/2015”;
la L.R. 16/12/2011 n. 12 “Disciplina dei contratti pubblici relativi ai lavori, servizi e forniture. Recepimento del Dlgs 12 aprile 2006 n. 163 e del DPR 5 ottobre 2010 n. 207”.
l’art. 24 della LR. 17/05/2016 n. 8 recante modifiche alla L.R. 11/2012 per l’effetto dell’entrata in vigore del Dlgs 18/04/2016 n. 50;
il Dlgs 19/04/2017 n. 56 – Disposizioni integrative e correttive al Dlgs 18/04/2016 n. 50;
la Deliberazione della Giunta Regionale n.52 del 13/02/2018 e il successivo Decreto del Presidente della Regione Siciliana n. 701 del 16/02/2018 con i quali è stato conferito l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento Regionale delle Infrastrutture, della Mobilità e dei Trasporti al Dott. Fulvio Bellomo;
la legge regionale 8 maggio 2018 n. 9 di bilancio di previsione della Regione Siciliana per il triennio 2018-2020;
il D.D.G. n. 1547 del 6 luglio 2016 con il quale il Dirigente Generale pro-tempore, del Dipartimento delle Infrastrutture della Mobilità e dei Trasporti, ha conferito al dott. Calogero Franco Fazio l’incarico di dirigente della struttura Servizio 7 – Politiche urbane e abitative;
la Circolare n. 19 emessa con prot. 33838 del 11 luglio 2016 dal Dipartimento regionale Bilancio e Tesoro – Ragioneria Generale della Regione;
la Circolare n. 3 del 16 febbraio 2017 emanata dal Dipartimento regionale Bilancio e Tesoro – Ragioneria Generale della Regione;
la delibera CIPE n. 25 del 10 agosto 2016 concernente il “Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2014 – 2020 – Aree tematiche nazionali ed obiettivi strategici – Ripartizione ai sensi dell’art. 1, comma 703, lett. b) e c) della Legge n. 190/2014”;

la delibera n. 26/2016 del 10 agosto 2016 del Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica – Fondo sviluppo e coesione 2014 – 2020: Piano per il Mezzogiorno. Assegnazione risorse, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana Serie Generale n. 267 del 15 novembre 2016;
il Patto per lo Sviluppo della Regione Siciliana, sottoscritto in data 10 settembre 2016 tra il Presidente del Consiglio dei Ministri ed il Presidente della Regione Siciliana, riguardante l’attuazione degli interventi prioritari e l’individuazione delle aree d’intervento strategiche per il territorio al fine di realizzare un percorso unitario d’intervento sul territorio della Regione finalizzato allo sviluppo economico, produttivo ed occupazionale, alla sostenibilità ambientale ed alla sicurezza del territorio;
la deliberazione della Giunta Regionale n. 301 del 10 settembre 2016 di approvazione del Patto per lo Sviluppo della Regione Siciliana – Attuazione degli interventi ed individuazione delle aree d’intervento strategiche per il territorio e i prospetti allegati “A” e “B” nei quali vengono riportati dettagliatamente gli interventi strategici, I’importo complessivo degli stessi e le risorse previste per la loro attuazione;
la Delibera di G.R. n. 303 del 21 settembre 2016 “Patto per lo Sviluppo della Regione Siciliana – Interventi – Presa d’atto” ;
la deliberazione della Giunta regionale n. 29 del 21 gennaio 2017: Patto per lo sviluppo della Sicilia (Patto del Sud) aggiornamento dell’elenco degli interventi contenuti nel documento “Allegato B” alla deliberazione della Giunta regionale n. 301 del 10 settembre 2016 – Modifica;
il decreto del Ragioniere Generale della Regione Siciliana, n. 154 del 15 febbraio 2017, con il quale sono state apportate le modifiche al bilancio della regione, per l’esercizio finanziario 2017, mediante l’istituzione di vari capitoli in entrata;
CONSIDERATO che con il citato D.R.G. n. 154/2017 è stato, tra l’altro, istituito nel Bilancio della Regione Siciliana – Amministrazione 8 – Rubrica 2 – Titolo 4, il capitolo di entrata 7479 “Assegnazioni dello Stato per la realizzazione dei progetti finanziati con le risorse del Fondo Sviluppo e Coesione 2014/2020 per gli interventi di recupero e rifunzionalizzazione finalizzati al miglioramento della qualità della vita ed allo sviluppo sostenibile dei comuni della Regione Sicilia”.
la “Pista di controllo” afferente agli interventi del Patto per il Sud della Regione Siciliana di competenza del Dipartimento regionale delle Infrastrutture, della Mobilita e dei Trasporti, approvata con con D.D.G. n. 1I07 del 07/06/2017 (pubblicato sia sul sito internet della Regione Siciliana www.regione.sicilia.it – Strutture regionali- Dipartimento Infrastrutture, Mobilità e Trasporti);
la deliberazione della Giunta regionale n. 430 del 18 settembre 2017 con la quale sono state apportate modifiche all’Allegato B di cui alla Deliberazione della Giunta regionale n. 29 del 21 gennaio 2017;
il progetto per la realizzazione dei lavori di “Realizzazione del salone parrocchiale destinato alle attività aggregative, culturali e ricreative per il recupero dei giovani per favorire l’integrazione sociale e la lotta alla marginalità”, nel comune di Gela (CL), del costo complessivo di € 799.000,00 rientrante nell’intervento strategico “Interventi di recupero e rifunzionalizzazione finalizzati al miglioramento della qualità della vita ed allo sviluppo sostenibile dei comuni della Regione Sicilia” e incluso nel citato allegato “B”, per il finanziamento del quale sono assegnate risorse del FSC 2014-2020 per l’importo di € 799.000,00;
il crono programma di spesa relativo al suddetto progetto, riportato nella scheda di rilevazione “Caronte”, sulla base del quale si prevede di impegnare la somma di € 0,00 per l’anno 2018, la somma di € 700.000,00 per l’anno 2019, e la somma di € 99.000,00 per l’anno 2020;
CONSIDERATO che il punto 3.6 dell’allegato 4/2 al decreto legislativo n. 118/2011 dispone, tra l’altro, che nel caso di trasferimenti erogati a “rendicontazione” da soggetti che non adottano il principio della competenza finanziaria potenziata, l’entrata è imputata agli esercizi in cui l’ente beneficiario prevede di impegnare la spesa cui il trasferimento è destinato (sulla base del crono programma), in quanto il diritto di riscuotere il contributo (esigibilità) sorge a seguito della realizzazione della spesa, con riferimento alla quale la rendicontazione è resa;
esecutivo dei lavori sopra indicati del 27/08/2015, rilasciato ai sensi degli artt. 52,53 e 54 del regolamento di cui al DPR 207/2010;
il verbale di validazione del progetto esecutivo del 27/08/2015 rilasciato ai sensi dell’art. 55 del DPR 207/2010;
il progetto esecutivo dei lavori in argomento dell’importo complessivo di € 799.000,00, rielaborato in data 26/08/2017 ai sensi del D.lgs. n. 50/2016 e s.m.i.;
il verbale di verifica del progetto esecutivo del 16/10/2017 rilasciato ai sensi dell’art. 26, comma 6 – lettera d- del D.lgs n. 50/2016;
il verbale di validazione del 16/10/2017, rilasciato ai sensi dell’art. 26, comma 6, lett. d del D. lgs n. 50/2016,e contestuale parere tecnico rilasciato dal rup ai sensi dell’art. 5, comma 3, della L.R. 12/07/2011 n. 12;
la deliberazione di Giunta Municipale n. 252 del 23/10/2017 che approva il progetto esecutivo in linea amministrativa;
la determina dirigenziale n. 967 del 02/08/2018 del Settore Lavori Pubblici con la quale si affida l’incarico di direttore dei lavori, misura, contabilità e assistenza al collaudo all’arch. Rosario Città, e l’incarico di collaudatore statico e tecnico amministrativo all’ing. Roberto Capizzello, entrambi funzionari tecnici del Settore lavori pubblici del comune di Gela;

l’integrazione al verbale di validazione del progetto esecutivo del 25/07/2018, a firma del rup, con la quale si rimodula il quadro tecnico economico del progetto esecutivo;
la deliberazione di Giunta Municipale n. 189 del 03/08/2018 che approva la rimodulazione del quadro tecnico economico del progetto esecutivo,
il quadro tecnico economico del progetto esecutivo dell’importo complessivo di € 799.000,00, con le correzioni

apportate da questo ufficio, come di seguito riportato: Importo lavori a base d’asta
oneri di sicurezza
importo del progetto
€ 668.419,34
€ 17.385,80 € 685.805,14
Iva 10%
Imprevisti
Incentivo tecnico art. 113 D.lgs. 50/2016
Oneri di accesso a discarica
Ticket parere igienico sanitario
Ticket autorità di vigilanza
sommano
importo complessivo lavori
la dichiarazione liberatoria del 06/06/2017 sottoscritta dal legale rappresentante della parrocchia San Sebastiano Martire di Gela, sac. Filippo Salerno, con la quale l’ente beneficiario del finanziamento assume a proprio totale carico il pagamento delle competenze tecniche di progettazione dei lavori in argomento;
la nota del 07/12/2018 con la quale il rup attesta la congruità dei prezzi del progetto al prezzario regionale anno 2018;
il DDG n. 2881 del 15/10/2018 con il quale per la realizzazione dei lavori di “Realizzazione del salone parrocchiale destinato alle attività aggregative, culturali e ricreative per il recupero dei giovani per favorire l’integrazione sociale e la lotta alla marginalità”, nel comune di Gela, del costo complessivo di € 799.000,00, è accertata sul capitolo di entrata 7479“Assegnazioni dello Stato per la realizzazione dei progetti finanziati con le risorse del Fondo Sviluppo e Coesione 2014/2020 per gli interventi di recupero e rifunzionalizzazione finalizzati al miglioramento della qualità della vita ed allo sviluppo sostenibile dei comuni della Regione Sicilia” del Bilancio della Regione (Codice Finanziario E.4.02.01.01.001 – Provincia di quietanza : Palermo) – la somma di € 799.000,00;
costo manodopera
€ 162.649,04
B – Somme a disposizione dell’Amm.ne
€ 68.580,51 € 27.992,47 € 10.872,88 € 4.791,00 € 358,00 € 600,00 € 113.194,86 € 799.000,00
RITENUTO di poter procedere al finanziamento dell’intervento in argomento e di dovere assumere l’impegno definitivo della somma di € 799.000,00 sul capitolo 672465 del bilancio della Regione siciliana;
VISTA la nota prot. n. 53026 del 29/10/2018 con la quale questo Dipartimento ha chiesto al Dipartimento Bilancio e Tesoro l’iscrizione in bilancio sul capitolo 672465 della somma complessiva di euro 799.000,00, spendibile per € 700.000,00 nell’esercizio finanziario 2019 e per € 99.000,00 nell’esercizio finanziario 2020;
VISTO il D.D. n. 3152 del 21/11/2018 dell’Assessorato dell’Economia con il quale è stata iscritta sul capitolo di spesa 672465 la somma complessiva di euro 799.000,00 di cui € 700.000,00 spendibile nell’esercizio finanziario 2019 ed € 99.000,00 spendibile nell’esercizio finanziario 2020;
AI SENSI della legge e del regolamento sulla contabilità generale dello Stato; DECRETA
Art. 1 – Per quanto in premessa riportato è ammesso a finanziamento il progetto esecutivo relativo ai lavori di “Realizzazione del salone parrocchiale destinato alle attività aggregative, culturali e ricreative per il recupero dei giovani per favorire l’integrazione sociale e la lotta alla marginalità”, (CUP D37H16001290006) codice Caronte (SI_1_17272) nel comune di Gela (codificata al n. U.2.03.01.02.003) per l’importo complessivo di € 799.000,00 ed è autorizzato il Comune di Gela per l’aggiudicazione dei lavori in argomento ai sensi della vigente normativa, giusto quadro tecnico economico di seguito riportato:
Importo lavori a base d’asta oneri di sicurezza
€ 668.419,34
€ 17.385,80 € 685.805,14
€ 68.580,51 € 27.992,47 € 10.872,88 € 4.791,00 € 358,00 € 600,00 € 113.194,86 € 799.000,00
importo del progetto
costo manodopera
B – Somme a disposizione dell’Amm.ne Iva 10%
Imprevisti
Incentivo tecnico art. 113 D.lgs. 50/2016 Oneri di accesso a discarica
Ticket parere igienico sanitario
Ticket autorità di vigilanza
sommano
importo complessivo lavori
€ 162.649,04
Art. 2 – Alla complessiva somma di € 799.000,00 si farà fronte con impegno assunto, con il presente decreto, sul capitolo 672465 del bilancio della Regione siciliana (codificata al n. U.2.03.01.02.003), da imputare, come da cronoprogramma, per l’importo di € 700.000,00 all’esercizio finanziario 2019 e per l’importo di € 99.000,00 all’esercizio finanziario 2020 .

Art. 3 – Le economie derivanti dal ribasso d’asta costituiranno economia di spesa.
Art. 4- Nel rispetto del D.Lgs 23/06/2011 n. 118, l’erogazione delle somme, a favore del funzionario delegato del
Comune di Gela sarà effettuata mediante l’emissione di mandati, sulla base di apposita richiesta dello stesso, debitamente corredata da adeguata documentazione giustificativa della spesa;
Art. 5 – Il Comune di Gela si impegna a rispettare nel corso dei lavori le clausole del protocollo di legalità del 12/07/05 di cui alla circolare delI’ex Ass.to Reg. LL.PP. n. 593 del 31/01/06;
Art. 6 – Il Comune di Gela impegna, altresì, a osservare e verificare le previsioni contenute nell’art. 2 della L.R. 15/2008 in tema di contrasto alla criminalità organizzata e nell’art. 3 della L. 136/2010 e artt. 6 e 7 della L. 217/2010 in tema di tracciabilità dei flussi finanziari;
Art. 7 – Ogni maggiore onere necessario, a qualsiasi titolo, per il completamento dell’opera e tutte le somme che saranno giudicate inammissibili, a seguito dei controlli effettuati dagli Organismi competenti, secondo quanto previsto dal Sistema di Gestione e Controllo (SI.GE.CO.) approvato con Deliberazione di Giunta Regionale n. 198 del 18/05/2017, saranno poste a totale carico del beneficiario del finanziamento.
Art. 8 – E’ assegnato al Comune di Gela , pena la revoca del finanziamento concesso, il termine perentorio di 180 giorni dalla notifica del presente decreto, per l’espletamento della gara di appalto e consegna dei lavori all’impresa aggiudicataria.
Art. 9 – Il presente decreto sarà pubblicato nel sito del Dipartimento Infrastrutture e Mobilità, trasmesso alla Ragioneria Centrale delle Infrastrutture e Mobilità per il visto di competenza, e successivamente notificato al Comune di Gela .
Palermo, 13 DIC 2018
IL CAPO SERVIZIO IL DIRIGENTE GENERALE
F.to Dott. Calogero Franco Fazio F.to Dott. Fulvio Bellomo

Stampa articolo
Visualizzazioni articolo: 1.207
Politica

di più in Politica

Dopo le amministrative il Pd pensa alle europee

Liliana Blanco20 Maggio 2019

L’Udc continua a parlare di politica a largo raggio

Redazione20 Maggio 2019

Consultazioni: non prima di martedì

Liliana Blanco20 Maggio 2019

Siciliano torna nella scena politica in una veste nuova

Redazione19 Maggio 2019

Agevolazioni per i viaggi degli elettori delle Europee

Redazione19 Maggio 2019

Il PdF, unico gruppo politico con un candidato gelese alle europee

Liliana Blanco18 Maggio 2019

Nuovo consiglio comunale: alle battute finali la verifica

Liliana Blanco17 Maggio 2019

Greco: “chiedetemi tutto per la città ma nessun favore personale”

Liliana Blanco16 Maggio 2019

La marcia dei sindaci su Palermo per la crisi delle province

Redazione15 Maggio 2019