Storie

Morire a 34 anni e non sapere il perchè

Morire a 34 anni e non sapere il perchè
banner vision

New York – Questa storia arriva da lontano ma coinvolge una famiglia originaria di Gela che ha ancora qui le sue radici.

banner vision

“Amore che preparo per cena? Scendo giù, prendo qualcosa e torno subito”. Sono state le ultime frasi, pronunciate in americano, dalla moglie di Remo Cilindrello (nella foto a sinistra, insieme al padre) , oriundo gelese travolto da un destino ineluttabile. Remo non aveva tempo per fare la spesa. Era tornato dalla pizzeria che gestiva insieme ai fratelli; aveva giusto il tempo di fare una doccia e poi tornare al lavoro e poi, a tarda sera, avrebbe rivisto la sua famiglia per consumare insieme la cena. La moglie di Remo aveva fatto presto. Di ritorno a casa, dopo aver riposto la spesa chiama. “Remo? Remo? Dove sei?” “Ma può essere che è già uscito? Ok, lo chiamo al telefono”. Compone il numero del cellulare e sente lo squillo che proviene dal bagno. “Ah ci sei..?” Apre la porta del bagno e trova Remo riverso a terra. Non dava segni di vita, ma la donna non si rassegnava all’idea di una possibile morte a cui non pensava visto che l’aveva lasciato da poco sano e normale. Non sapendo in quali condizioni versasse il marito, ha chiamato il 911, il numero del distretto di polizia. Arrivati nell’appartamento di New York, i poliziotti e servizio sanitario non hanno potuto far altro che constatarne il decesso. Tuttavia si è messa in moto la macchina burocratica che, secondo la legislazione americana, deve accertare i motivi che hanno causato la morte di Remo a soli 34 anni. Il corpo di Remo è stato prelevato e trasferito in una struttura scientifica anatomopatologa dove sono stati prelevatati campioni di tessuti. “I primi esami non hanno dato risultati – racconta il padre Enzo – adesso aspettiamo l’autopsia per sapere cosa esattamente ha fatto morire mio figlio in pochi minuti. Per il momento ci hanno detto che si è trattato di arresto cardiaco, ma questo risultato è troppo generico e sono passati diversi giorni. Non possiamo rassegnarci. Mio figlio era la luce dei miei occhi e la sua morte arriva dopo sei anni da quella di mia mia moglie”. Remo era un ragazzone alto e robusto; nulla faceva presagire una morte improvvisa; lascia moglie e figli, oltre la famiglia di origine ed i fratelli con cui divideva la pizzeria che gestiva a New York. I familiari gelesi, prima della tumulazione che non può avvenire se non si completa l’indagine con l’autopsia, hanno diffuso la notizia attraverso i necrologi ed hanno organizzato un momento di preghiera con una messa in suffragio.

Stampa articolo
Visualizzazioni articolo: 10.212
Storie

di più in Storie

60 anni d’amore: la favola di Francesco e Maria

Liliana Blanco22 Aprile 2019

La gelese Ivana Legname vuole costruire una scuola per bambini sordi, in Kenya

Liliana Blanco20 Aprile 2019

Rocco non è morto invano: il suo nome resterà per sempre

Redazione8 Aprile 2019

Due anni senza Margot, l’angelo che volteggiava

Liliana Blanco6 Aprile 2019

Da Butera a Portofino, a pranzo coi vip internazionali

Liliana Blanco17 Marzo 2019

“Mi fa male il cuore”. “Signora venga il 31 ottobre”

Liliana Blanco14 Marzo 2019

Storia di un imprenditore proprietario di un Castello a Piazza Armerina

Liliana Blanco3 Marzo 2019

Il miracolo di Giuseppe: da agonizzante a scalpitante in un mese

Liliana Blanco12 Febbraio 2019

“Ho trovato mia moglie in una pozza di sangue…”: il maresciallo Resciniti racconta

Redazione11 Febbraio 2019