Attualità

Cacciatore nisseno pubblica un video mentre tortura un uccello

Cacciatore nisseno pubblica un video mentre tortura un uccello

Caltanissetta – Al WWF Sicilia Centrale è stato segnalato nei giorni scorsi un video pubblicato da un cacciatore su un social network per vantarsi della sua crudele impresa: quella in cui continua a far soffrire una Beccaccia in fin di vita, a prendersene gioco, a schernirla ed umiliarla, a ridicolizzarla per farne oggetto di un sadico e sprezzante divertimento.

Questa la vicenda: un cacciatore della provincia di Caltanissetta spara ad una Beccaccia e la ferisce: la scarica di pallini di piombo investe il corpo dell’animale ma evidentemente non colpisce organi vitali. La Beccaccia è ancora viva ma non può più volare o scappare; una lenta agonia l’attende, tra atroci sofferenze. Secondo l’etica venatoria, al selvatico abbattuto a caccia devono essere risparmiate sofferenze inutili e, in casi come questo, va dato il “colpo di grazia”. Ma non sempre ciò avviene…

La povera Beccaccia si trova in uno stato psicologico terribile, è spacciata ma, con le ultime forze rimastegli, cerca disperatamente la salvezza applicando una strategia difensiva che molti animali adottano per difendersi dai predatori: la tanatosi. Infatti, dal video si evince che, dopo essere stata manipolata, la Beccaccia si blocca ed irrigidisce tutto il corpo al fine di simulare uno stato di morte.

Allora il cacciatore, invece di porre fine all’inutile strazio con un gesto compassionevole, ne approfitta per improvvisare uno sketch di dubbia comicità: scimmiottando uno dei numeri di Giucas Casella, fa finta di “ipnotizzare” la Beccaccia e si vanta di tali “poteri”. Con la complicità di un amico che lo filma, ironicamente dice che “a questo punto non c’è manco più bisogno di andare a caccia con i fucili” e poi sbotta a ridere, lasciando l’animale agonizzante disteso sul cofano di un’automobile.

“Questo video ci è stato segnalato perché rappresenta un’inaccettabile esempio di arroganza e prepotenza dell’uomo sugli altri esseri viventi” – sostiene il WWF Sicilia Centrale, che ha pubblicato il filmato sui propri canali social: facebook.com/wwf.caltanissettatwitter.com/WWFSiciliaCentr,youtube.com/channel/UCdrFpYFD5MVkirasAhT_XHQ e instagram.com/wwfsiciliacentrale – “speriamo che il cacciatore protagonista rifletta su ciò che ha fatto, chieda scusa alla Natura e appenda la doppietta al chiodo”.

Nel ricordare che la stagione venatoria terminerà in Sicilia il prossimo 31 gennaio, il WWF Sicilia Centrale rivolge ancora una volta l’appello ai cittadini più sensibili a segnalare qualsiasi illecito a danno della fauna e dell’ambiente contattando l’Associazione all’email siciliacentrale @ wwf.it.

Stampa articolo
Visualizzazioni articolo: 1.194
Attualità

di più in Attualità

Oltre 150 denunce per diffamazione per il programma televisivo “Non è l’Arena”

Redazione18 Febbraio 2019

La Consulta giovanile si schiera dalla parte delle associazioni ‘sfrattate’

Redazione18 Febbraio 2019

Un passo in più verso il restyling del porto

Liliana Blanco17 Febbraio 2019

Nota dell’assessorato per l’abbattimento delle barriere

Redazione17 Febbraio 2019

“C’è posta per te”. Tutta Gela davanti alla TV a tifare

Liliana Blanco16 Febbraio 2019

Ecco la spazzatrice in azione: ma non basta ai cittadini

Liliana Blanco16 Febbraio 2019

L’attenzione della Regione sulla formazione – video

Liliana Blanco15 Febbraio 2019

Il commissariato di Polizia ha 5 agenti in più

Liliana Blanco15 Febbraio 2019

Liborio Pirrello delegato alla Confapi

Redazione15 Febbraio 2019