Politica

L’assessore Ippolito a Gela per difendere il volontariato

L’assessore Ippolito a Gela per difendere il volontariato
banner vision

Palermo –  Il ‘caso’ dei locali assegnati al volontariato è finito a Palermo. “Ieri mi ha attivato Terenziano Di Stefano e mi ha caricato del problema dei locali del volontariato che rischiano lo sfratto – racconta l’assessore alla solidarietà sociale Mariella Ippolito –  mi ha chiamato anche Luca Cattuti della Procivis per lo stesso problema. Per legge, mentre le chiese evangeliche non possono tenere locali comunali, il mondo del volontariato viene tutelato dalla norma. Voglio capire prima come è la situazione esatta guardando le carte e nei prossimi giorni convocherò il commissario per trovare una soluzione condivisa per chiarire i termini e sono sicura che troveremo un’intesa. Fare pagare le associazioni di volontariato bollette esose relative allo smaltimento della spazzatura è un nonsenso. In ogni caso mi impegno a studiare il caso e venire a Gela la prossima settimana in veste istituzionale e con il mio staff comprensivo di tecnici dell’ufficio erariale per capire se ci sono i termini del danno erariale di cui sento parlare e sono certa che l’impegno comune potrà produrre i benefici che ci aspettiamo. Gli enti offrono i locali e ricevono in cambio prestazioni professionali che coprono i vuoti istituzionali. So che nella realtà di Gela ci sono associazioni importanti che si occupano di ragazze madri, di giovani e questo è un impegno molto importante che deve essere custodito e mantenuto. Mi prendo l’impegno di fare da mediatrice per risolvere questo problema”.

 

“Quando ho ricevuto la lettera dal Comune di Gela – dice Luca Cattuti –  pensavo che mi si dicesse ‘Grazie per tutto quello che avete fatto sino ad oggi e continuate a fare per l’Amministrazione Comunale nelle emergenze di Protezione Civile, per la Città, per i Giovani , per gli studenti , per le fasce deboli , per le famiglie in difficoltà, per il recupero dei soggetti sottoposti a misure alternative, per il servizio di Eccedenza 118 che offrite nel territorio , per il servizio di guardiania che avete assicurato sin dal primo giorno conservando la struttura da eventuali danni, per la manutenzione ordinaria e straordinaria quando dal tetto scendeva acqua  piovana, per la pulizia dell’area da erbacce , per avere installato a proprie spese un impianto a led per fare risparmiare il comune, per avere accolto i numerosi soggetti senza tetto segnalati dai servizi sociali, e invece..- Ritengo che serva un confronto serio sulle possibili soluzioni alternative, al fine di scongiurare eventuali interruzioni di attività o danni alla collettività fondata su una possibile interruzione di pubblico servizio”.

Stampa articolo
Visualizzazioni articolo: 828
Politica

di più in Politica

Ufficializzata la lista di F. I. per le europee e scoppia la bagarre

Redazione18 Aprile 2019

Il Popolo della famiglia alle elezioni Europee

Redazione17 Aprile 2019

Candidati a sindaco alla Confcommercio

Redazione17 Aprile 2019

L’Ars ha approvato oggi l’istituzione del Forum regionale dei giovani

Redazione17 Aprile 2019

Faraci rinuncia all’incarico

Redazione17 Aprile 2019

Candiati a sindaco a confronto a Gela e Caltanissetta

Redazione17 Aprile 2019

Il Ministro in visita alla Corte d’Appello: a maggio visita degli uffici del Ministero

Redazione17 Aprile 2019

Ecco gli scrutatori sorteggiati

Redazione16 Aprile 2019

Farruggia: “La lista ‘Avanti Gela’ non ha l’anima di Forza Italia’”

Redazione16 Aprile 2019