Cultura e Società

I linguaggi ‘modificati’ nell’èra digitale: seminario di Cascino all’Uciim

I linguaggi ‘modificati’ nell’èra digitale: seminario di Cascino all’Uciim
banner vision

Gela – Come è cambiata la vita dell’uomo del XXI secolo, che vive a cavallo fra l’èra analogica e quella digitale? Come si concilia la formazione psicologico-culturale dell’uomo maturo di oggi e dei giovani. A queste ed a molte altre domande ha risposto il ricercatore psicologo Vincenzo Cascino che ha tenuto un seminario di studi sul tema: “I linguaggi digilitici della Igen”. Cascino è intervenuto su invito  della presidente dell’Uciim sezione ‘Virgilio Argento’, Viviana Aldisio. L’incontro è avvenuto ieri nel salone parrocchiale della chiesa San Giovanni Evanglistia grazie alla disponibilità di don Giuseppe Siracusa. Obiettivo dell’ incontro diretto agli insegnanti è stato capire come i giovani della i (Internet)gen (Generation) comunicano oggi, grazie anche all’intervento del sociologo docente di comunicazione Francesco Pira.

“Internet in quanto strumento telematico ha modificato la vita quotidiana in tutti i suoi aspetti – ha spiegato Cascino –  Anzitutto ha creato una realtà virtuale(chianata immateriale) le cui Caratteristiche sono da ricondurre al concetto di reticolarità o acentricita:la rete non ha un centro ma solo un punto da dove si parte(on ) per navigare il “mare”attraverso la modalità “prove ed errori”. Gli abitanti del cyberspace o realtà virtuale vengono chiamati avatar. Sono esseri con sembianze fisiche umane ma immateriali. Non hanno sessualità definita ne tanto Meno Caratteristiche psicologiche precise. Coloro che invece navigano Internet sono definiti internauti o cibernauti. Internet ha però modificato profondamente anche Il concetto di cultura nelle sue dimensioni fondamentali. L antropos da essere reale e umano si è modificato in avatar, essere immateriale e indefinito. L’ etnos da sistemico si trasforma in reticolare con la volontà da parte degli internauti di connettersi e disconnettere ,Il concetto di tempo che da cronologico oggettivo si trasforma in emotivo capace di modificare gli stati d animo delle persone(un sms può cambiare il tuo umore)e infine la dimensione spazio che da geograficamente definita diventa virtualmente immateriale.

La rete delle retina anche modificato i processi mentali superiori.e in particolare ha cambiato i processi della attenzione, sell apprendimento,  Della memoria, del linguaggio, del pensiero e dell intelligenza, d ora in infatti si parlerà di intelligenza digitale e in base alla denominazione proposta dal Cascino, intelligenza plurilitica, come l insieme delle intelligenze multiple di Gardner assieme a quella digitale. A subire cambiamenti c è anche la dimensione relativa alla socializzazione. Si comunica attraverso le chat e i social network dando origine al fenomeno che Bauman, sociologo polacco contemporaneo, ha chiamato INTERAZIONE e Non relazione. Ma chi sono questi ragazzi nati nell’ era della rete? Nativi digitali, secondo la fortunata espressione di Marc Prensky. Homo zappiens (contrazione di  sapiens zapping)in base a quanto affermato da Wrakking e Veen, e Igen la cui definizione è da attribuire alla studiosa statunitense Twenge: I(contrazione di Internet) gen (contrazione di Generation).I nativi digitali dunque è una categoria antropologica che ha subito delle modificazioni antropogenetiche secondo quanto affermato da Prensky nei suoi studi su La mente aumentata. I linguaggi che questa categoria ha sviluppato sono essenzialmente ma Non esclusivamente 4.
1 linguaggi digitali
2 linguaggi multitasking
3 linguaggi iconografici
4 linguaggi cooperativi”

 

Stampa articolo
Visualizzazioni articolo: 869
Cultura e Società

di più in Cultura e Società

“Venerdì Santo” a Regina Pacis

Redazione18 Aprile 2019

Il Giovedì santo: lavanda e bacio dei piedi

Redazione18 Aprile 2019

Alla scuola ‘E. Solito’ nasce il “Kiwanis K-Kinds Club”.

Liliana Blanco18 Aprile 2019

Cominciano i riti della Settimana santa

Redazione17 Aprile 2019

Consegna dei premi per il concorso Acquesia

Redazione17 Aprile 2019

Gli scavi coperti e gli archeologi fuori

Liliana Blanco16 Aprile 2019

Mercoledì prossimo cerimonia di premiazione di Aquesia

Redazione15 Aprile 2019

Ecco il programma dei festeggiamenti della Settimana santa

Redazione15 Aprile 2019

Il Movimento giovanile San Francesco riconosciuto dalla Diocesi

Redazione14 Aprile 2019