Politica

Giudice: “non mi candido per dignità”

Giudice: “non mi candido per dignità”

Gela – Riceviamo e pubblichiamo una nota di Antonio Giudice

“Non mi candido in altre liste per rispetto di me stesso e degli elettori. La dignità è tutto per una persona, anche in politica. In riferimento alle prossime elezioni amministrative per il rinnovo del Consiglio Comunale e del Sindaco di Gela, desidero precisare quanto segue. Nel 2015 mi sono avvicinato alla politica sotto le insegne della ‘Lega – Noi con Salvini’ candidandomi a sindaco, perché mi riconoscevo, e in realtà mi riconosco ancora, nei valori di quel movimento politico, che amministra da anni molte città e due grandi regioni del Nord Italia, in un momento in cui presentarsi di fronte all’opinione pubblica meridionale in genere non significava raccogliere consenso, ma profonda avversione nella migliore delle ipotesi, se non vere e proprie offese personali. Con il gruppo di amici con i quali ho condiviso questa esperienza sono state messe in campo azioni sul territorio volte alla sensibilizzazione sociale sui diversi problemi che attanagliano la nostra città, anzitutto sul tema della sicurezza, vero problema dei problemi di Gela (insieme a quello ambientale ed occupazionale).
Il commissariamento della ‘Lega’ in Sicilia avrebbe potuto essere l’occasione per un allargamento della base del consenso, nel segno del maggiore coinvolgimento di risorse nuove: invece si è trasformata nell’occasione per estromettere chi per tanti anni si è speso sul territorio e fare posto a chi – nella logica di un vergognoso trasformismo – fino a poco tempo fa si spendeva al contrario per esecrare la Lega e Salvini in ogni modo.
Agli amici con cui ho condiviso l’attività finora ho però anticipato che non potrei candidarmi in altri movimenti o perfino in liste civiche, non avendo trovato spazio dentro la mia casa che è la lega,  perché avrei contravvenuto a uno dei miei valori personali: la coerenza. Allo stesso tempo, candidandomi sotto altre insegne avrei offeso la dignità mia e di chi si è avvicinato alla Lega insieme a me. Resta inalterato il bagaglio di rapporti personali e politici intessuti in questi anni con altri amici del ‘gruppo storico’, con i quali non si farà fatica a rimettersi in campo qualora le condizioni della nostra estromissione antidemocratica venissero meno.
Nella Lega a Caltanissetta e Gela c’è chi ha lavorato per seminare zizzania personale e per escludere, mentre andava fatto il contrario: il tempo è galantuomo e darà le risposte giuste a tutti gli attori in campo, uomini, assistenti ed ombre senza luce.
Gela ha bisogno di persone che si mettano al servizio della comunità, non di persone che si servano delle istituzioni amministrative locali per fini personali: saltare da un fiore all’altro è attività degna solo per le api, che traggono dai fiori la materia prima per produrre il prezioso miele. Le donne e gli uomini impegnati in politica mostrano il loro lato peggiore cambiando idea troppo spesso. Per quanto mi riguarda, la mia dignità prevale su qualsivoglia ambizione personale, fosse anche solo quella di servire la mia città”.
Antonio Giudice ex candidato sindaco Lega – ex segretario cittadino-Gela

Stampa articolo
Visualizzazioni articolo: 1.053
Politica

di più in Politica

Agevolazioni per i viaggi degli elettori delle Europee

Redazione19 Maggio 2019

Il PdF, unico gruppo politico con un candidato gelese alle europee

Liliana Blanco18 Maggio 2019

Nuovo consiglio comunale: alle battute finali la verifica

Liliana Blanco17 Maggio 2019

Greco: “chiedetemi tutto per la città ma nessun favore personale”

Liliana Blanco16 Maggio 2019

La marcia dei sindaci su Palermo per la crisi delle province

Redazione15 Maggio 2019

Mancuso a Bartolozzi: “parli tu inciucio che con Armao sostieni la Lega”

Redazione15 Maggio 2019

Maxi maggioranza per il sindaco Greco

Liliana Blanco15 Maggio 2019

Il sindaco Greco si è insediato

Liliana Blanco15 Maggio 2019

Scuvera: “Né vinti e vincitori, l’ unico ad aver vinto è l’ astensionismo”

Redazione15 Maggio 2019