Cultura e Società

Rosaria …quell’estate del ’43…”

Rosaria …quell’estate del ’43…”

Una passeggiata fra le strade bombardate di Gela dell’ultima guerra mondiale fra cui si muove la storia della protagonista, “Rosaria …quell’estate del ’43…” di Uliano Andolfi e José Cassarino. La presentazione del libro si terrà venerdì 15 marzo alle ore 19,00 nella sala riunioni dell’associazione “ Famiglia in cammino” al Palalivatino,  su iniziativa di Emanuele Scicolone che sta organizzando attività ricreative e culturali dell’associazione, una piccola biblioteca per integrare materie di studio in altre attività culturale di volontariato. Storie di donne che si rincorrono in una cornice di devastazione in cui si stagliano le personalità dei protagonisti di una fresca storia, come sempre li dipinge la gelese Josè che svestiti i panni di impiegata negli ambienti giudiziari, è divenuta una scrittrice produttiva ed ha già al suo attivo tre romanzi: Rosaria, Occhi di bimba e Lucilla che verrà presentato prossimamente.

Ecco alcuni passi del libro scritto a quattro mani con Andolfi:

“Il dottore Mancuso riaccompagno’ Rosaria a casa, chiese se stessero tutti bene e poi si rivolse ad Immacolata.

” Appena ritorno a prendere Rosaria ti devo parlare e stai tranquilla, un ti fari fumuliari a testa, chi ti fa mali .”

Immacolata non potendo rispondere e trattare in malo modo il dottore, appena lui andò via s’ infuriò e sommerse la figlia con mille domande, chiedendole se in quei giorni chi avesse accudito e come trascorreva le sue giornate in casa di Consolata e se il medico era soddisfatto del suo servizio, chi fosse il ricoverato e se dormiva, se parlava, se avesse mangiato…, poi con tanta tanta inquietudine le disse : ” ti piace stare sola con il giovanotto?”

“Mamma, cosa vuoi dire, non capisco, non ho scelto io di andare in casa di Consolata . Vui mi mannasti, cumannata do dutturi. Se non avessi voluto avresti dovuto opporti, invece non hai replicato. L’hai capito che con il giovanotto, come lo chiami tu, mi annoio e non so cosa fare? Il medico gli somministra qualcosa per sedarlo e come dici tu, il giovanotto e’ sempre addormentato. ”

” Mi faro’ coraggio con il dottore e mi faro ‘ spiegare il motivo e perche’ ci ha stari tu, una signorina con un signorino, questa e’ proprio bella.”

 

 

[….] velocemente mangio’ la verdura che avevano portato le comari e poi si diresse verso la loro casa che ossequiose e rassicurate della sua presenza lo fecero accomodare.

” Si sittassi duttu, c’avi bisognu ho visto Peppuccio ora sta meglio ” Gli fisse Consolata.

Non posso sedermi tira aria di un altro attacco, l’ho appena saputo. Il mio amico che abbiamo trasportato sta male ha bisogno di qualcuno. Ascolta Immacolata il ragazzo sta davvero male, ti assicuro che non può camminare perché non si regge in piede, ha bisogno di assistenza, mi capisti chi ti vogghiu diri? Di un ti preoccupari se è omunu, già ti ligiu a testa, manna Rosaria a so casa. La ragazza è in gamba e voi potete assistere i cinque bambini, siete le loro mamme e i bambini in questo momento hanno bisogno di voi”.

[…] per il Mancuso avevano una venerazione incredibile, quante volte nel momento di difficoltà si erano rivolti a lui e altrettante volte, che era considerato il ‘ padrino’ di Terranova, era stato disponibile alle loro esigenze ed in cuor suo anche se avrebbe voluto dire no, disse ” si ” strappato:

” Sia fatta la volontà se è questo che vuole, così sia. Sbrigati Rosaria, vai con il dottore, ha premura.”

A seguire ci sarà il saluto e ringraziamento ai bravissimi conduttori del corso di inglese Suliman e Ibraim con un rinfresco a base di pizze per tutti.

Stampa articolo
Visualizzazioni articolo: 958
Cultura e Società

di più in Cultura e Società

“L’acqua fonte di vita”: concorso per le scuole

Redazione22 Marzo 2019

Regeneration: da domani 30 artisti a liceo scientifico

Redazione22 Marzo 2019

Nella giornata della memoria si ricorda Emanuele Notarbartolo

Redazione21 Marzo 2019

‘Per sempre Libero’

Redazione21 Marzo 2019

Il prof. Cappellani parla di tumori su invito dell’Associazione Ex allievi del Liceo

Liliana Blanco20 Marzo 2019

Tutto pronto per la seconda parte del progetto “Mamma Mia!

Redazione20 Marzo 2019

” Cu’ cci veni a Palermu?” il 30 marzo 2019

Redazione20 Marzo 2019

Progetto scuola di inclusione degli studenti con disabilità intellettiva al IIS Leonardo

Redazione19 Marzo 2019

San Giuseppe: la tradizione torna in tutto il suo splendore

Redazione19 Marzo 2019