Cultura e Società

Cominciano i riti della Settimana santa

Cominciano i riti della Settimana santa

Gela – Entrano nel vivo i riti della Settimana Santa. Oggi mercoledì santo la prima breve processione. Il Cristo caricato della Croce dalla chiesa Madre viene portato dai marinai nella chiesa del Rosario accompagnato dal coro rinnovato dei Lamentari, dalle istituzioni quest’anno rappresentate dal Commissario straordinario dott. Rosario Arena e dai giovani della Consulta, dal Clero e dal popolo dei fedeli.

I riti hanno un posto centrale nelle celebrazioni religiose della comunità.
In essi si rispecchia la devozione dei gelesi che vivono con grande intensità i riti solenni.
Essi iniziano liturgicamente con la Domenica delle Palme quando la comunità accompagna il celebrante nella Chiesa Madre con i rami di ulivo e di palma intrecciata.

La sera del mercoledì santo sul sagrato della Chiesa Madre si svolge simbolicamente il processo e la condanna di Gesù; le statue vengono portate nella Chiesa del Rosario, dove per tutta la giornata di giovedì, la gente si reca a rendere omaggio con il tradizionale bacio dei piedi del Cristo e dell’Addolorata.

La sera del giovedì, una folla silenziosa accompagna le sacre immagini per le vie del centro storico fino alla Chiesa Madre, ove la gente sosta fino a tarda notte.
Il Venerdì Santo è il culmine delle tradizioni pasquali gelesi: accompagnato da canto dei lamentatori, il Cristo (opera del ‘700 in cartapesta e cuoio) viene portato al Calvario, dove avviene la spogliazione e la crocifissione del simulacro.

Piazza Calvario, con le vie adiacenti, è un’immensa distesa di persone assiepate per guardare, ricordare, pregare. Verso l’imbrunire, la deposizione dalla Croce: si schioda il simulacro che, in un’impressionante silenzio, viene consegnato ai sacerdoti e da questi ai marinai che lo depongono nell’urna per la solenne processione.

L’urna col Cristo morto è portata a spalla dai marinai gelesi che, per antica tradizione, per tutto il tragitto non poggiano mai a terra.
Il sabato, fin dalle prime ore del mattino , la folla si riversa nella Chiesa Madre per assistere al “funerale” e alla sepoltura del Cristo.

Si celebrano i salmi, intercalati da letture bibliche e canti penitenziali, e intorno alle 11,00 viene estratto dall’urna, al canto del lamento, il Corpo del Cristo che, portato a spalla dai sacerdoti, viene deposto nel “loculo” predisposto sotto l’altare della cappella della Passione.
L’effigie dell’Addolorata viene portata dai giovani e posta sopra l’altare della stessa cappella.
E’ un m,omento di intensa commozione in cui la gente prega per i propri cari defunti, segno della presenza del Divino nel vissuto della vita del popolo

Stampa articolo
Visualizzazioni articolo: 1.142
Cultura e Società

di più in Cultura e Società

Festa per Maria Ausiliatrice

Redazione24 Maggio 2019

I piccoli archeologi crescono.. al Museo

Liliana Blanco24 Maggio 2019

Il Rotaract Club di Gela ospiterà domenica le Olimpiaract

Redazione24 Maggio 2019

La vetrina dei libri

Redazione24 Maggio 2019

Le erbe aromatiche di AISM

Redazione24 Maggio 2019

Forum dei giovani sulla criminalità organizzata

Redazione24 Maggio 2019

‘Rianimazione neonatale e principi di stabilizzazione’: corso in ospedale

Liliana Blanco23 Maggio 2019

Presentazione del libro di Lauria

Redazione23 Maggio 2019

Legalità: battere i muri del pregiudizio. Storia di Daniela, piccola e determinata

Liliana Blanco22 Maggio 2019